Home / Tag Archives: Geoeconomia

Tag Archives: Geoeconomia

L’Europa è Mario Draghi

Dietro ogni scelta, ogni modo di essere e apparire risiede una storia. Per comprendere Mario Draghi e il futuro d’Europa bisogna partire dalla storia personale del banchiere. E’ nato a Roma, la quale pur essendo la Capitale d’Italia, porta intrinsecamente quell’aspetto universalistico e non racchiuso nei meandri nazionalistici, che un immenso Indro Montanelli seppe raccontare in Storia di Roma.

E’ rimasto orfano a soli quindici anni e con la sorella e il fratello ha dovuto tenere in piedi la loro famiglia. Forse, non tutti sanno che economia deriva dal greco οἶκος (oikos), “casa” inteso anche come “beni di famiglia”, e νόμος (nomos), “norma” o “legge”. I suoi studi universitari si concentreranno su di essa e non potendosi permettere troppe distrazioni ne sarà uno dei massimi interpreti. La casa ossia la sua famiglia d’altronde non poteva essere tralasciata.

Si è formato ed è cresciuto tra le mura dell’Istituto Massimo della Compagnia di Gesù. La Compagnia di Gesù, fondata da Ignazio di Loyola, non è un semplice ordine della Chiesa Cattolica di Roma. E’ l’ordine campione della Riforma, delle menti e delle strategie romane. Non è un caso che nel momento di massima debolezza per l’Europa nella storia del genere umano, la sua anima e radice culturale veda un Gesuita sul “trono di Pietro” e un loro vecchio allievo nella sua parte operativa di maggior importanza.

Mario Draghi si è laureato alla Sapienza di Roma. L’ha fatto sotto la guida del keynesiano Federico Caffè con una tesi su «Integrazione economica e variazione dei tassi di cambio». Un’analisi sul Piano Werner, il precursore della moneta unica. All’epoca nel Piano Werner il giovane economista non vedeva le precondizioni per un’unione economica monetaria. La storia gli affiderà il compito di salvarla.

Quel che colpisce di Mario Draghi è la sua eleganza nel concepire le politiche monetarie e il suo mandato come geopolitica. Nel caos generato da un nuovo mondo ormai connesso e legato a doppia mandata alla finanza e in cui qualsiasi sviluppo nazionale può avere conseguenze intercontinentali, il suo mandato assomiglia a un magistero.

Nell’epoca in cui l’Europa non possiede nessun leader riconoscibile ed europeo, l’Italia ha fornito una mente quasi teutonica e dallo sguardo proiettato su quel che conterà nel prossimo decennio. In molti potrebbero obiettarmi che vi è Angela Merkel, soprattutto quella letteratura e critica che vedono nella cancelliera tedesca una proiezione di leader europea. Indubbiamente Angela Merkel è l’unica vera leader continentale, ma lo è per il suo Paese. Per essa, nessun atto può prescindere dal bene della Germania prima e dell’Europa poi. Mario Draghi invece ha una mente e visione che com’è Roma per il Cristianesimo, rende Francoforte capitale delle sfide dell’Europa tutta e unita.

Ora, ascoltare il discorso del Banchiere Centrale Europeo non è sicuramente entusiasmante come un video di Tiziano Terzani, ma a Trento è stata da poco scritta una delle più importanti pagine della nostra storia politica.

A Trento, una volta cuore dell’Impero Europeo Asburgico, nel corso della cerimonia di ricezione magistrale di un premio intitolato a De Gasperi, Mario Draghi ha tracciato le linee guida di un europeismo non banale e soprattutto libero dalla retorica occidentalista. Mario Draghi a differenza delle centinaia di cortigiani dell’elite non demonizza la Brexit né i populismi, anche quelli meno attenti alle concezioni eastoniana d’input cui le istituzioni non hanno saputo produrre output. Come raccomandato da un qualsiasi manuale di Scienza Politica, dove si annovera alle sue radici la concezione di Easton, il governatore della Bce ha raccomandato affinché i progressi nell’integrazione politica della costruzione europea debbano produrre risultati diretti e tangibili.

Ha sollecitato a tenere conto «dei bisogni dei cittadini e dei loro timori», ha individuato nell’immigrazione, nella sicurezza e nella difesa i settori «essenziali» delle nuove iniziative europee, nel completamento del mercato unico l’imperativo fra quelle già avviate e ha ricordato ai Governi che tocca anzi tutto a loro fornire una risposta ai problemi di redistribuzione e disuguaglianza, «con politiche che rimettano in moto la crescita, riducano la disoccupazione e aumentino le opportunità individuali, offrendo nel contempo il livello di protezione essenziale dei più deboli».

” Un livello di protezione essenziale dei più deboli ” una frase che mette paura e ai circoli benestanti che in Italia trovano in Capalbio la loro sede e alla Commissione Europea debolissima in ogni azione per i suoi cittadini. Così mentre a Bratislava, i leader degli altri Paesi cercano di individuare come procedere nel post Brexit e annientano ulteriormente dalla storia un’Europa forte, a Trento essa ha già trovato l’uomo per il suo domani.

Ventotene è stata profanata. Da tre cancellieri troppo deboli nella visione, intrensicamnete appoggiati alla farsa di retoriche il cui sofismo nulla ha prodotto. Lo sostengo alla luce delle seguenti dichiarazioni rese a margine del vertice UE di Bratislava. Dove la Merkel ha affermato che l’Unione è in “condizioni critiche”. Hollande ha sostenuto che “la difesa europea non può essere solo sulle spalle della Francia” e Renzi ha chiesto che le spese per la scuola siano tenute fuori dai conteggi sulla stabilità. A Trento il banchiere centrale ha affermato:

 

“Servono politiche che rimettano in moto la crescita, riducano la disoccupazione e aumentino le opportunità individuali, offrendo nel contempo il livello di protezione essenziale dei più deboli”

 

A voi la scelta se continuare con la fotografia di chi a Ventotene o chi ha compreso che va dato una risposta ai problemi delle persone. Che ha reputato giusto non demonizzare i cosiddetti populismi, poichè dietro di essi vi sono problemi e sfide da affrontare senza l’occhio dello pseudoeuropeista borioso. A voi la scelta nel seguire una visione di azioni e che vede l’Europa attore unico, pur valorizzandone ogni differenza.

Come sostenuto da Giuliano Ferrara su Il Foglio “Sarà un euroburocrate, Draghi, ma essendo di scuola cattolica sa dove finisce l’amministrazione, dove comincia la politica, dove il popolo è sovrano anche per sradicare il populismo. Whatever it takes.”

Una nuova crisi è alle porte?

Siamo alle porte di una nuova crisi?

Non è facile affermarlo, ma molti degli elementi base sussistono. La locuzione crisi economica è usata comunemente in diversi contesti: come sinonimo di recessione, di deflazione o come caduta dei mercati finanziari. La mia intenzione è quella di non apparire come oracolo di una nuova stagione di pianti, ma i segnali che parlano dell’incombere di una nuova crisi globale sono numerosi. Durante l’ultimo ventennio i cicli economici si sono accorciati a causa di diversi fattori, quali la deregulation, la finanziarizzazione dell’economia, la globalizzazione degli scambi, e l’accelerazione del ciclo dell’industrie.

Le numerose correzioni al ribasso alle previsioni di crescita da parte delle principali organizzazioni internazionali per il 2016, rendono quest’ipotesi sempre meno concreta. Il principale driver della crescita globale è costituito da uno slancio del Prodotto interno lordo, specialmente negli Stati Uniti; ad oggi sembra rallentare. Inoltre, la mancanza di chiare risposte nel coordinamento da parte degli Istituti preposti al controllo e alla direzione della politica monetaria internazionale, ossia le Banche Centrali, rendono sterili qualsiasi tentativo delle singole di far ripartire i cicli di crescita in maniera sostenuta.

“Bisogna far presto, si deve riunire in tempi rapidissimi un tavolo internazionale su temi economici e politici. I drammi non sono i ribassi della borsa ma l’inquietudine generale di tutto il sistema economico”. Romano Prodi, una una conversazione con l’Agi, lancia l’allarme sull’economia. “Siamo in emergenza: rallenta la crescita, siamo di fronte alla crisi drammatica di alcuni grandi paesi e si prospettano svalutazioni competitive. Quando tutto è in subbuglio se non si arriva a una riunione di emergenza i rischi sono altissimi”. Un monito che come nel 2008 sta andando perso tra mille temi etici o di solidarietà che tolgono l’attenzione dal collante di sussistenza principale per famiglie e aziende ossia l’economia.

Il 2016 è iniziato nel peggiore dei modi per i mercati finanziari globali. Un esempio è dato dal prezzo degli idrocarburi il quale è sceso sotto i 28 dollari al barile per la prima volta dal 2003. Il Dragone Cinese dall’inizio dell’anno ha visto l’indice della borsa di Shanghai crollare del 15 per cento. In tal mondo, anche i mercati americani ed europei, resi nervosi dal prezzo del petrolio e dal crollo dei listini cinesi, hanno seguito la scia negativa, iniziando l’anno con performance preoccupanti.

I primi avvertimenti sono comparsi già alla fine dello scorso anno. In un articolo uscito il 27 dicembre sul Guardian, Larry Elliott, caporedattore economico del quotidiano britannico, aveva avvertito che il 2016 sarebbe stato un anno “vissuto pericolosamente.” Secondo il giornalista, anche se non ci sarà una nuova crisi globale nei prossimi 12 mesi, il 2016 sarà l’anno in cui si “nasconderanno le crepe e si cercherà di guadagnare tempo prima che riemergano di nuovo tutti i vecchi problemi.”

Se per il premier italiano e la stampa che gli fa seguito i temi sui quali discutere sono altri, per la mia persona “l’Italia potrebbe essere l’epicentro di una nuova crisi economica europea”. Infatti,il mercato finanziario italiano sembra soffrire di un ulteriore malattia che investe, in particolare, il settore bancario.

Di certo, però, non sono le sofferenze dei bilanci delle banche italiane, pari ad oltre 200 miliardi di euro, ma interamente coperte da accantonamenti per oltre 110 miliardi e dai valori a garanzia delle sofferenze, che possono spiegare la caduta delle quotazioni dei titoli bancari sul mercato di Milano; neanche la crisi dell’immobiliare, con una svalutazione intorno al 7%, non giustifica quello che sta accadendo. Bensì, tutto risiede nella governance di molti istituti di credito del centro Italia e nel non giustificabile adeguamento dei criteri di regolamentazione bancaria a quanto previsto da anni in sede europea ripetto al bail in ossia il salvataggio interno della banche. A ciò si aggiunge la mancata spensing review, una crescita sovrastimata che puntualmente delude le aspettative e un tasso di povertà e disoccupazione altissimi.

Per concludere gli elementi e non le variabili sono tutte pronte a far scoppiare la prossima crisi. E anche questa volta a pagare saranno gli ultimi. Ossia voi. Voi che siete troppo impegnati in dibattiti su temi etici e poco attenti alla vita quotidiana e alla sua sussistenza. Che i poveri piangano ancora per la loro mancanza di ribellione. D’altronde mercanti e sindacati sul banchetto trattano assieme.

Google – Padrone del mondo?

“E giunse il giorno” potrebbe facilmente affermare chi da anni, come noi su questo magazine, anticipava quel che è accaduto recentemente. Infatti, se icona degli anni zero del duemila è stata Apple, la società di Cupertino, guidata sapientemente dal fondatore Steve Jobs, negli anni dieci si è assistito al sorpasso di Big G. Infatti, grazie ai suoi servizi (Gmail, Blogger, GoDaddy, Android, YouTube) la generazione che è cresciuta ed entrata nel mondo lavorativo negli anni dieci ha come stella polare nel mondo dei servizi web Google.

L’1 febbraio Alphabet, il nome con cui ora viene chiamato il gruppo aziendale di Google, è diventata la società per azioni più grande del mondo.

Alphabet ha annunciato di aver registrato 4,9 miliardi di dollari in profitti nell’ultimo trimestre: la notizia ha fatto crescere il valore dei titoli di circa il 6 per cento e il totale del capitale azionario è arrivato a 568 miliardi di dollari. Finora la società per azioni più grande del mondo era Apple, che attualmente vale 535 miliardi di dollari.

Apple difendeva il suo primato da ormai quasi quattro anni, ma il sorpasso ha coronato un incremento del 43% nel valore del titolo sotto il simbolo “Google”: negli ultimi dodici mesi la società guidata da Tim Cook ha invece ceduto a Wall Street il 18 per cento. Pensate che il solo titolo Apple vale quanto tutto il complesso dei titoli azionari quotati presso Piazza Affari.

Il gruppo di Mountain View ha riportato anzitutto una crescita nelle attività “core” su Internet, vale a dire il motore di ricerca, YouTube e il sistema operativo Android: un guadagno del 13,5% ha fatto lievitare le entrate nell’intero 2015 a 74,54 miliardi e gli utili sono saliti del 23% a 23,4 miliardi. Grazie alla nuova struttura corporate, posta sotto l’ombrello di Alphabet, l’azienda ha separato i risultati delle cosiddette altre attività, le scommesse sul futuro compiute in settori quali le biotecnologie, i sistemi per i collegamenti Internet ad altissima velocità, le automobili senza guidatore. Queste segmento, denominato “Other Bets”, altre scommesse, ha registrato entrate in aumento del 37% .

Vi sono due elementi da analizzare. Il primo risiede nell’imminente passaggio a una sorta di leadership del ” terziario dell’informatica”, ossia dell’attenzione posta da investitori e consumatori più sui software e servizi del mondo informatico a scapito dei singoli prodotti materiale. In seconda istanza bisogna sottolineare come le ardite scommesse, del gruppo Google che spadroneggia a cervello mondiale, stiano attraendo grandi capitali. Ed è in questo contesto che si rivela il ” dilemma Google “. Poiché a una ricerca e crescita dei campi scientifici e tecnologici corrisponde una supremazia di Google che secondo alcune proiezioni la pongono a divenire società di un’importanza maggiore nei suoi vertici a quella di Stati o Enti Sovranazionali come l’OMS o le autorità Antitrust. Perché oltre a essere il motore di ricerca più utilizzato al mondo, tramite  la sincronizzazione offerta ai suoi utenti, Google conosce ogni aspetto della vostra vita. Che sia il vostro IBAN o gusto nel mangiare, naturalmente tracciando ogni singolo vostro movimento.

Quel che permane da questo storico passaggio è la visione di un nuovo mondo ove il mezzo fisico tende a scomparire e con esso la correlata produzione e a cui si aggiunge la supremazia dell’intelligenza artificiale. Artificiale. Forse, troppo poco umana.

Il Medioriente alla Cina

La lunga corsa della Cina a superpotenza ha radici lontane. Radici per l’appunto, poiché solo nell’ultimo decennio sta raccogliendo i frutti dell’avvedutezza nella composizione e sostegno al Terzo Mondo. Se l’Europa non conta più nulla come rilevanza geopolitica, Francia e Gran Bretagna assumo tutt’oggi un peso specifico. Certamente, questo peso anglofrancese, non è minimamente confrontabile con le protagoniste del dopoguerra, Usa e Russia, e a oggi la Cina.

 

Se la leadership di Pechino nel mondo industriale non è in discussione, allo stesso tempo e modo la forza geopolitica cinese è sempre stata considerata al rango di regionale e non globale. Eppure in queste ore di caos è avvenuto un fatto meritevole di entrare nella prossima storiografia. Poiché la Cina ha iniziato a giocare la sua partita nel fortino americano ossia il Medioriente, che preferisco chiamare Rimland. Nelle ultime ore, Xi Jinping si è calato in una visita che l’agenzia ufficiale cinese ha definito «storica». Arrivare in Medio Oriente, visitare in cinque giorni Arabia Saudita, Egitto e Iran di questi tempi, non può essere solo una questione di affari. Il presidente cinese vuole «aiutare a facilitare e allargare i comuni interessi negli affari internazionali e regionali». La Cina è un nuovo venuto. Le relazioni diplomatiche con i Sauditi sono iniziate nel 1990. Da allora gli scambi sono aumentati di 230 volte e nel 2014 avevano raggiunto i 69 miliardi di dollari.

 

In Egitto, il presidente cinese terrà un discorso alla Lega Araba: l’organismo politico dei Paesi della regione non conta molto ma in questo caso il suo quartier generale in piazza Tahrir sarà un autorevole megafono nella regione. Xi non intende impegnare la Cina nel caos mediorientale come americani e russi. Nessuna presenza militare o interferenza, nessuno schieramento preferito a un altro. Ma la priorità della Cina è la stabilità della regione dalla quale viene l’energia che fa funzionare la sua economia. Se il profilo politico di Xi è il più nuovo e dunque il più interessante, l’economia naturalmente non manca. Nel Paese nel quale la Cina è il principale acquirente mondiale di greggio, Xi e i suoi interlocutori hanno firmato importanti intese su energia, comunicazioni, ambiente, aerospaziale.

Rilevanti sono gli accordi industriali ora che l’Arabia Saudita ha deciso di diversificare la sua economia per ridurre la dipendenza dagli idrocarburi. Come a dire se da un lato si guarda alla stabilità politica internazionale con l’ingresso di un nuovo attore globale, la mano sul portafogli resta sempre.

Quel che è importante per il Medioriente e il mondo è la presenza di un attore terzo nel caos del Rimland, nel centro del vortice di ogni odio e resistenza. Laddove, forse, Usa e Russia non sono ancora riuscite a pacificare, chissà che non riesca Pechino.

Cina&Russia – L’accordo del secolo [ Parte I ]

L’accordo siglato tra Cina e Russia il 22 maggio scorso regola gli scambi di gas naturale tra i due paesi dal 2018 al 2048 attraverso nuove pipeline siberiane ed ha un valore totale stimato attorno ai 400 miliardi di dollari. Il motivo dietro allo sblocco di negoziazioni in stallo da più di dieci anni ruota, come tutte le recenti mosse del gigante russo in politica estera, attorno all’Ucraina.
Le tensioni ucraine degli ultimi mesi hanno infatti fortemente destabilizzato la diplomazia russa, esponendola al rischio di un isolamento internazionale particolarmente rischioso per un paese dipendente dai capitali esteri e dal commercio internazionale. L’accordo allenta quindi la pressione occidentale sulla Russia e permette al paese di diversificare le proprie esportazioni di gas, per ora fortemente legate al mercato europeo. L’altro risultato è rappresentato dallo sconvolgimento del panorama economico internazionale: infatti, la nascita di un importante mercato energetico in reminbi mette in pericolo l’egemonia dei petroldollari e rafforza la posizione dei BRICS, che hanno peraltro annunciato a margine dei Mondiali brasiliani la creazione di una banca mondiale per lo sviluppo alternativa a BIRS e FMI con sede a Shanghai. Dal punto di vista russo, l’accordo rappresenta quindi l’ennesima vittoria politica e diplomatica di Vladimir Putin ai danni di Stati Uniti ed Unione Europea, nonché un’ulteriore affermazione per le potenze emergenti a livello economico mondiale.
Ma, come è spesso accaduto nella storia russa, anche questa vittoria è stata pagata a caro prezzo. Le negoziazioni con la Cina infatti si sono sbloccate grazie alle concessioni fatte da Mosca sui prezzi del gas: sebbene i termini dell’accordo vengano ancora tenuti segreti, sembra che il gas russo verrà pagato dai cinesi non ai prezzi vigenti nei mercati europei, ma in conformità a quelli più bassi del gas turkmeno acquistato da Pechino. In poche parole, come nel caso dell’infausto accordo con Yanukovic, Gazprom ha dovuto una volta in più sacrificare il proprio interesse economico alla ragion di Stato. Per portare a termine l’accordo è stato perciò necessario l’intervento facilitatore di Putin, che, promettendo importanti esenzioni fiscali a Gazprom, ha assicurato la permanenza di moderati profitti per il gigante del gas naturale, privando però il bilancio statale di più di 30 miliardi di dollari di entrate.
L’accordo viene poi presentato come la prima iniziativa concreta della nuova politica estera russa. Come ha infatti affermato Putin a giugno al Forum economico internazionale a San Pietroburgo, la Russia intende effettuare un ‘Pivot to East’ parallelo a quello statunitense, ovvero una svolta verso l’Oriente sempre più centrale a livello economico e diplomatico. Tale svolta è finalizzata a sviluppare l’enorme potenziale territoriale della Russia siberiana attraverso la costruzione di infrastrutture e al potenziamento delle attività immobiliari e minerarie: una riscoperta della dimensione asiatica del paese, simboleggiata dall’Aquila bicipite russa che guarda sia ad ovest che ad est e magnificata dalla retorica eurasiatica del teorico Aleksander Dugin. Dietro agli annunci trionfali, si nasconde però una realtà meno appariscente: la Russia da Pietro il Grande in avanti rimane infatti un paese fortemente sbilanciato verso Occidente a livello economico, strategico, demografico e culturale. Il tentativo di proporsi come attore di rilievo in Estremo Oriente, anche attraverso allo sviluppo delle relazioni con la Corea del Nord, sconta una tradizione di marginalità geopolitica nella regione, specialmente rispetto all’asse storico tra Giappone e Stati Uniti.
In più il successo diplomatico dell’accordo con la Cina, in grado secondo la leadership russa di far assurgere il paese a produttore energetico chiave anche in Asia, nasconde le debolezze del gigante slavo.
La Russia rischia infatti di rimanere bloccata ad un modello commerciale di stampo neo-coloniale, con scambi di risorse in cambio di manufatti, e di rimanere un rentier state con serie carenze in sviluppo tecnologico e in capitale umano. Inoltre l’accordo conferma la posizione dominante della Cina come ‘regional gas price setter’ e quindi lo spostamento di potere negoziale verso il colosso asiatico, prefigurando un’evoluzione del rapporto tra i due paesi sempre più squilibrata e svantaggiosa per la Russia. Per queste ragioni l’accordo, risuonato come grande successo diplomatico ed economico sia in patria che nei media internazionali, viene definito dall’analista di Chatham House Ilja Zaslavskij ‘una disperata scommessa geopolitica che ignora qualsiasi ragione economica, […] esattamente ciò che ci si aspetta da ex ufficiale del KGB che gestisce con poca lungimiranza la politica energetica.’