Home / Tag Archives: Miley Cirus

Tag Archives: Miley Cirus

Che fine ha fatto Hannah Montana?

Miley Cyrus in We Can’t Stop

“Hannah Montana è stata assassinata”.

Nella sua ultima apparizione al Saturday Night Live Miley Cyrus annuncia in diretta la scomparsa della ragazza di campagna tutta chitarra e camicie a quadri. Milioni di copie vendute, migliaia di astucci e diari con la sua faccia e innumerevoli serie tv: cancellare Hannah Montana poteva rivelarsi più difficile che eliminare la cicatrice a forma di fulmine sulla fronte di Daniel Ratclife. E allora Miley ci ha pensato, ci ha pensato tanto: “Come posso bloccare la crescita a tutti i bambini che si fermeranno su qualunque canale dove ci sia io aspettandosi di vedermi fare la versione canta-con-me di Best of both world?”, “come posso farli urlare talmente forte da chiamare i genitori, così che vedendomi tutta nuda magari qualche papà comprerà il mio cd?”. Ed ecco spiegata la performance agli MTV Video Music Awards: “Farò la storia” aveva annunciato. E se è vero il principio del “bene o male purchè se ne parli”, diciamo che Miley ha fatto centro.

Miley agli MTV Video Music Awards

Impagabili le facce dei Jonas Brothers che probabilmente ora riproporranno la performance alla prossima Final Jam di Camp Rock, e l’imbarazzo di Taylor Swift che si è coperta gli occhi mentre l’ex Hanna si esibiva in un balletto fatto di ammiccamenti e allusioni. Giusto per rendere meno traumatico il distacco dal suo alterego Disney, Miley esce fuori da un gigantesco orso di peluche invece che da qualche altalena o nuvola di fumo, indossando un body di peluche a forma di orsetto. Pochi minuti dopo però è rimasta in mutande e reggiseno, e si è scatenata con il collega Robin Thicke indossato una mano di gommapiuma con la quale ha mimato una masturbazione.

In teoria (ma anche in pratica) il peggior incubo di un padre: la sua bambina che esce di casa con il vestito della comunione abbracciata all’orsetto, cinque minuti dopo è tutta nuda alle prese con atti sessuali dei quali sembra parecchio esperta. Una scena molto più terrificante dell’esorcista. Ma papà Montana non ha fatto una piega. L’ ex cantante country Billy Ray Cyrus, con la stessa lucida follia di quelle mamma che hanno vinto Miss Gavettoni nel 1870 e spingono le figlie a concorsi di bellezza prima ancora che riescano a camminare, ha dichiarato: “è sempre la mia bambina”….Voi comunque non provateci a casa.

Billy Cyrus con Miley

L’era della Miley tutta boccoli e frangette è definitivamente finita, e anche le nostre speranze che quel taglio esageratamente corto, platino e rasato fosse una parrucca. Come da evoluzione di una popstar che si rispetti, la ventunenne nata come Destiny Hope (nomen omen), è partita dal biondo (tinto) da country girl, è passata alle nuance e taglio istituzionalizzato da Jennifer Aniston, per poi concedersi code extension della migliore Barbie Hawaii, fino a un rosso stile Lindsay Lohan per concludere con il taglio shock, quello cortissimo taglio platino, rasato, ingellato perfetto per twerkare…

L’evoluzione del look di Miley

Cosa era rimasto ancora a ricordare la piccola Hanna? Gli stivali da cowgirl e il classico bravo ragazzo come fidanzato. Niente paura, sono stati eliminati anche loro. Lui, il biondissimo Liam Hemsworth, non ha retto a vedere la sua ormai ex fidanzata impegnata nel fingere un amplesso in mondo visione e, in quanto ai vestiti, a toglierseli ci si mette un attimo. In occasione degli Heart Radio Music Festival di Las Vegas, Miley ha sfoggiato un “abito”, che copre praticamente solo il collo lasciando il resto in bella vista. A parte i capezzoli, “ricoperti” da due dischetti che potrebbero essere quelli venduti dalla griffe di lingerie ipersexy Agent Provocateur. Anche le braccia, a onor del vero, restano coperte da un pellicciotto bianco. Avete presente quando dite: “non ho nulla di adatto da metterti, ora esco in mutande”. Ecco Miley lo fa davvero.

Uno dei look più discussi

Nel suo ultimo video, Wrecking Ball, forse lo stylist era in ferie perché il look consiste niente più e niente meno che in un paio di mutande bianche e una canottierina ma poi, nel dubbio, la Cyrus si toglie anche quelli e rimane nuda appesa a una gigantesca palla di ferro dondolante. Nota glamour: il ditone di gomma dei VMA è stato sostituito da unghie in gel più o meno della stessa lunghezza.

Se vi state chiedendo dove andrà a finire Miley Cyrus, vi posso dare due indicazioni. La prima è che la star ha dichiarato che uno dei suoi modelli è Britney Spears…. il secondo è che l’industria del porno ha proposto a Miley un ingaggio, ma non come attrice bensì come regista. Per la serie: “Abbiamo apprezzato l’impegno, un po’ meno la recitazione”.

Hannah Montana

Quello che è sicuro è che la canzone che Miley canta più volentieri è il Requiem per Hannah Montana..

 

Maria Teresa Squillaci – Fashion Polinice

 

Girls gone Wild

Da che mondo è mondo i maggiori scoop e i maggiori pettegolezzi si fanno in bagno o dalla manicure, e quella che sto per raccontarvi è una storia vera origliata aspettando che si asciugasse lo smalto. Non che io sia un’impicciona o che volessi farmi i fatti altrui, ma stai lì spalla a spalla, in una stanzina piccola, e se ti copri le orecchie butti via 15 euro di mani.

Sedute accanto a me c’erano due ragazze, tutte e due si stanno facendo il gel, tutte e due metteranno lo smalto nero. Nome impossibile da decifrare perché tra loro si chiamano solo “Amore”, età stimata tra i 16 e i 17, i loro amici hanno appena preso la macchina ma per nostalgia della macchinetta vanno ancora a piazza euclide con gli sportelli aperti e la radio a palla.

Sono i vestiti a darmi la certezza sull’età, leggings, biker, giubotto di pelle, borsa di balenciaga, capelli ancora caldi di piastra. Look standard insomma, che al calare del sole viene sostituito da miniabito a canottiera nero, calze strappate o lavorate e sempre i soliti biker. Ti può capitare di vederne quattro o cinque tutte perfettamente uguali, sedute tutte allo stesso modo sullo stesso divano a fumare. Comprano le sigarette al Bambu’s, vanno a cena al Caminetto e poi al Gotha, ti danno del lei anche se hai 20 anni perché tra loro si riconoscono e tu, ovviamente, non sei una di loro. Tu ti devi mettere i tacchi per slanciarti perché non hai quelle micro gambine, tu quella sorta di coda alta gonfia in alto te la fai giusto la mattina con il mollettone quando ti devi lavare la faccia, tu al Goa ci sei andata a sedici anni, loro a dodici. Sei indietro, quindi ti becchi un “scusi signora”.

Il dramma in questione è l'”anniversario” : sono due mesi che lei sta con lui… dramma regalo. Per i loro primi trenta giorni insieme lui le ha regalato un viaggio a Parigi (pagato con la carta di credito della mamma dal momento che per ora ha solo la prepagata), lei le ha comprato un costume di Ralph Lauren, ma questa volta vuole qualcosa in più… e allora qui interviene l’amica: «Guarda fai come ho fatto io, fagli una vostra gigantografia, conosco un posto dove te la fanno a pochissimo». Genere Step e Babi con foto nell’armadio, ma guai a chiamarla generazione Moccia, loro quelle storie d’amore da pischelle le disprezzano. Al massimo vedevano Gossip Girl. Oppure una di quelle serie dove ci sono un gruppo di ragazze, un gruppo di ragazzi, e si aggiunge un nuovo personaggio, generalmente una cugina sfigata che poi diventa popolarissima, solo dopo che tutti si sono accoppiati con tutti.

Meno tacchi e più sneakers, meno look tutto curve e reggiseni push up più capelli curati e grandi occhioni, è quello che si chiama stile Tomboy. Rilanciato da super top come Cara Delevingne, richiestissima dalle passerelle e anche attrice in Anna Karenina, tomboy non vuol dire look da maschiaccio o vestirsi come un’aspirante stella dello sport. Ci vuole molta arte, una strategia che comunichi «non m’importa nulla della moda, mi interessa solo comodità», ma abbia allo stesso tempo stile, un buon taglio e un bel colore; in modo che anche le fashioniste attente e perspicaci riescano a intravedere l’impegno dedicato per creare questo stile, apparentemente così nonchalant.

Può sorprendere, ma le tenute da maschiaccio che veramente trionfano devono il loro successo a un buon lavoro di sartoria. Bando quindi ai pantaloni sformati, alle tute da ginnastica troppo grandi e alle grosse scarpe da basket. Avanti invece con le t-shirt bianche aderenti, i pantaloni stretti in fondo, i jeans con il risvolto arrotolato e le scarpe basse e graziose oppure le Converse. Ma non è a tutti, ed è innegabile che a una certa età si sia più portati per alcuni look piuttosto che altri, una diciassettenne primeggerà sempre in jeans e felpa, ma quando c’è da tirare fuori l’armamentario delle grandi occasioni, lì la partita è tutta da giocare…