Home / Tag Archives: partecipazione

Tag Archives: partecipazione

Il Festival della partecipazione a L’Aquila

300 ospiti e oltre 50 eventi dall’11 al 14 ottobre prossimi trasformeranno L’Aquila in un osservatorio dello stato di salute della partecipazione e della democrazia in Italia. Con un programma rinnovato, spettacoli e concerti, e focus dedicato ai giovani torna il “Festival della Partecipazione”, promosso da ActionAid Italia e Cittadinanzattiva in collaborazione con Slow Food Italia.
Inaugurazione giovedì 11 ottobre con Riccardo Fraccaro, Ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta e la “La Costituzione dei Cittadini” con il Comitato scientifico e i promotori.

Tra gli eventi: l lavoro nelle ricostruzioni post sisma e il grande con i protagonisti e storie dei territori colpiti dai sismi degli ultimi 40 anni; “Vietato calpestare i sogni”, un workshop dove decine di giovani si confronteranno su esperienze di cittadinanza attiva; “Cittadini attivi per la trasparenza” per promuovere la trasparenza come arma di contrasto alla corruzione. Teatro e musica: lo spettacolo “Un atomo di Verità”con Marco Damilano, e  Ascanio Celestini; la musica con Dente, Colapesce, Cisco e I Dinosauri. Libri e documentari con autori, tra cui Michela Murgia.

Quattro giorni di conferenze, laboratori, dibattiti, concerti e spettacoli. Più di 300 ospiti, oltre 50 eventi daranno nuova vita a sale, teatri, piazze e università nel centro storico che dall’11 al 14 ottobre prossimi trasformeranno L’Aquila in un osservatorio dello stato di salute della partecipazione e della democrazia in Italia. È la terza edizione del “Festival della Partecipazione”, promosso da ActionAid Italia e Cittadinanzattiva in collaborazione con Slow Food Italia e il patrocinio del Comune de L’Aquila. Uno spazio inclusivo e aperto, nato nella città simbolo delle contraddizioni dell’Italia colpita dai terremoti, che vuole contribuire alla trasformazione del paese attraverso il ruolo attivo dei cittadini e la tutela dei loro diritti.

A fare da traccia al Festival, il titolo scelto per il 2018: “Sogni, incubi, realtà. Democrazia e Partecipazione nell’era dell’incertezza”. Incertezza e paura che attraversano il nostro paese senza distinzioni e riguardano la vita presente e il futuro e che investono il lavoro, l’economia, l’ambiente, la qualità della vita, le regole alla base della cittadinanza e la possibilità dell’incontro con il diverso, le condizioni di eguaglianza, lo sviluppo culturale, soprattutto dei giovani. Sarà la comunità aquilana e abruzzese e i tanti cittadini attivi da ogni parte d’Italia e d’Europa a trovare risposte innovative divenendo protagonisti di tavole rotonde, incontri con i produttori del mercato contadino, maratone progettuali, lectio magistralis, proiezioni di documentari e percorsi partecipati. Il Festival è il luogo di incontro dove affrontare e discutere delle sfide come quella della produzione di “politiche pubbliche dei cittadini”, dei rischi come quello della “amministrativizzazione” della partecipazione civica, e delle opportunità come la ridefinizione del rapporto tra cittadini comuni e classi dirigenti.

Si inizia giovedì 11 ottobre alle 17.30 con l’inaugurazione del Festival con un incontro con Riccardo Fraccaro, Ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta e la “La Costituzione dei Cittadini” a cura del Comitato Scientifico con Giuseppe Cotturri, il costituzionalista che ha messo a punto un pacchetto di proposte per rafforzare nella Costituzione la dimensione partecipativa della democrazia. Tra gli eventi da segnalare:  quello dedicato al lavoro nelle ricostruzioni post sisma e il grande incontro per una politica pubblica della ricostruzione e dello sviluppo, dove arriveranno i protagonisti dei territori colpiti dai sismi degli ultimi 40 anni; “Vietato calpestare i sogni”, un workshop dove decine di giovani si confronteranno su esperienze di cittadinanza attiva; e inoltre  “Cittadini attivi per la trasparenza” che vedrà cittadini e organizzazioni civiche portare esperienze sull’accesso alle informazioni per promuovere la trasparenza come arma di contrasto alla corruzione. E ancora, documentari, un urban track nel centro città, i ristoranti, gli stand, il Parco del Castello, l’area bambini e relax per grandi e piccoli.

Il programma culturale sarà animato ogni sera da teatro e musica: si parte con lo spettacolo “Un atomo di Verità. Spettacolo in ricordo di Aldo Moro a 40 anni dalla morte” di Marco Damilano, il venerdì ci sarà Ascanio Celestini “Il nostro domani”, con il musicista Gianluca Casadei. Spazio alla musica di qualità con Dente e Colapesce insieme al disegnatore Alessandro Baronciani, Cisco e I Dinosauri, Alberto Cottica e Giovanni Rubbiani, fondatori dei Modena City Ramblers in concerto. Domenica 14 ottobre la presentazione del nuovo libro di Michela Murgia, “L’inferno è una buona memoria”.

“La partecipazione è condizione e risorsa per una democrazia compiuta e di qualità. Con questo obiettivo, il Festival sarà anche quest’anno, come nelle edizioni precedenti, una piattaforma per riunire, far discutere e confrontare tutte le cittadine e i cittadini, le associazioni e i soggetti interessati a costruire un progetto alternativo, inclusivo, per riappropriarsi degli spazi civici. Una sfida che vogliamo raccogliere e rilanciare in un momento in cui la dialettica degli slogan ha oscurato in gran parte il dialogo informato e ragionevole” spiega Marco De Ponte – Segretario generale ActionAid.

“Il Festival è un luogo di incontro e confronto, promosso e realizzato dai cittadini, con cui vogliamo da un lato sottolineare, ancora una volta, come l’azione civica possa non solo produrre effetti nella vita reale, ma migliorare la stessa qualità della democrazia. Centinaia di persone verranno per raccontare le proprie esperienze, ispirarsi e imparare dalle altre, cercare soluzioni condivise. Un modo diverso di costruire la realtà insieme” dichiara Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva.

“In un’epoca di cambiamenti repentini e di ansia sociale, come quella che stiamo vivendo,
il mantenimento di un livello accettabile di democrazia e di benessere collettivo deve essere la priorità per tutti i cittadini, una priorità che può essere perseguita attraverso un impegno civico capace di restituire il senso di comunità. Al Festival della Partecipazione portiamo i valori della nostra associazione ma anche l’impegno della campagna #FoodForChange, che rappresenta l’invito a partecipare alla costruzione di un mondo migliore, più pulito, più equo, più bello, a partire da un gesto quotidiano come mangiare, azione che ciascuno di noi compie in media tre volte al giorno” aggiunge Silvia de Paulis, Comitato Esecutivo Slow Food Italia.

Il Festival è promosso da ActionAid e Cittadinanzattiva, con il contributo di SlowFood Italia. Main partner dell’evento è Roche Italia. Acqua ufficiale del Festival è Ferrarelle. Partner: Aboca, Novartis, Sanofi, Novamont, Mediaset, Sky, Whirpool.
Main Media Partner: La Repubblica. Media partner: Il Salvagente, Vita.
Con il contributo di: Fondaca, Forum Diseguaglianza Diversità, Gssi, Metis, Uisp.
Si ringraziano: Consulta Giovanile dell’Aquila, Croqqer, Facebook Italia, Festival dei Giovani, Nativa, Urban Center, The Jackal. Con il patrocinio di  Comune dell’Aquila, RAI, Università degli Studi dell’Aquila.

Tutti gli eventi sono gratuiti.

Seguici su:
www.facebook.com/festivaldellapartecipazione<http://www.facebook.com/festivaldellapartecipazione>
www.instagram.com/festivaldellapartecipazione/<http://www.instagram.com/festivaldellapartecipazione/>

Per informazioni:
Francesca Mancini – Comunicazione Festival della Partecipazione

Cell. 333 4013280 – comunicazione@festivaldellapartecipazione.org<mailto:comunicazione@festivaldellapartecipazione.org>
Paola Amicucci, Ufficio Stampa Festival della Partecipazione
Cell. 345.7549218,  comunicazione@festivaldellapartecipazione.org<mailto:comunicazione@festivaldellapartecipazione.org>

Scienza e partecipazione per costruire il futuro della città

Scienza e partecipazione per costruire il futuro della città, giovedì 27 settembre 2018 dalle ore 9:30 alle 13:00 presso la  facoltà di Ingegneria civile e industriale – Sapienza Università di Roma

Il 27 settembre, alle 9.30, il CISTeC – Centro di Ricerca in Scienza e Tecnica per la Conservazione del Patrimonio Storico-Architettonico, dell’Università di Roma LaSapienza, e RETAKE Roma organizzano un workshop dal titolo “Scienza e partecipazione per costruire il futuro della città” sul tema della cura dei beni comuni nell’Aula del Chiostro del San Gallo, presso la Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale, Via Eudossiana 18 (San Pietro in Vincoli), Roma.

Il workshop segnerà l’avvio di una collaborazione di tipo innovativo, centrata sulla sperimentazione di forme di cittadinanza attiva volte alla preservazione e tutela dei beni comuni, a cui il CISTeC intende offrire le sue competenze tecniche e, al tempo stesso, favorire percorsi di pratiche utili agli studenti anche in termini professionali. RETAKE metterà in campo la sua capacità organizzativa per realizzare tali iniziative sulla base di un approccio di partecipazione civica e solidarietà. Non a caso il titolo del convegno è: Scienza e partecipazione per costruire il futuro della città

Al convegno interverranno esponenti dell’Università, di Retake, di imprese di settore, esperti di programmi e progetti europei. Hanno assicurato la loro partecipazione il Preside della Facoltà, il Direttore del CISTeC, la fondatrice e il presidente di RETAKE.

Sarà dato ampio spazio al dibattito e alla voce degli studenti che – ci si augura – saranno i veri protagonisti delle iniziative future, fra cui potranno rientrare anche quelle di alternanza scuola lavoro. Il convegno è pertanto rivolto in primo luogo agli degli studenti, il suo scopo principale essendo quello di intrecciare l’attività di studio e ricerca sottostante ai percorsi professionali con l’attività partecipata di cittadinanza attiva: due dimensioni che non è immediato pensare come sinergiche e che invece possono fare la differenza, anche in termini di generazione di chance di lavoro (es. opportunità da parte dei laureati di avviare start up sulla base di un nuovo modo di declinare il “fare impresa” mettendo al centro la responsabilità sociale e l’approccio cooperativo). Studenti a cui ci si intende rivolgere saranno principalmente universitari ma non solo: saranno ad es. presenti quelli di licei e Istituti tecnici della zona, con cui su temi analoghi verranno sviluppate esperienze di alternanza scuola lavoro nel corso dell’anno scolastico 2018-2019.

Di seguito l’intera programmazione della giornata

Per partecipare è caldamente consigliata la previa registrazione gratuita su https://www.eventbrite.it/e/biglietti-scienza-e-partecipazione-per-costruire-il-futuro-della-citta-50131570878

What a job! La sostenibilità è un lavoro!

What a job! La sostenibilità è un lavoro! 31 maggio 2018 dalle ore 9:30 alle 16:00 presso la Facoltà di scienze politiche, economiche e sociali dell’Università degli Studi di Milano – Via Conservatorio, 7 – Milano

Evento gratuito con registrazione obbligatoria all’evento al seguente link

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-what-a-job-la-sostenibilita-e-un-lavoro-45229550804

What a job! La sostenibilità è un lavoro! è una giornata dedicata allo sostenibilità dello sviluppo dell’attività delle imprese, nella consapevolezza che il mondo del lavoro debba esser veicolato nella consapevolezza delle necessità di rispettare l’ambiente circostante

Organizzata da CSRnatives, What a job! La sostenibilità è un lavoro! è una giornata di incontri in cui verrà illustrato un approccio virtuoso e sostenibile del mondo lavorativo e di come si possa partecipare attivamente ad esso.

CSRnatives è  una delle realtà più attive verso la sensibilizzazione delle imprese verso uno sviluppo sostenibile. Fulcro dell’attività di tale organizzazione è il network: tanto dei propri membri, i c.d. CSR manager, persone, perlopiù appartenenti al mondo universitario o da poco fuoriusciti dallo stesso, che hanno deciso di mettersi in prima linea per la promozione della ; ma anche un network delle imprese più virtuose, attente e consapevoli dell’insostenibilità di uno sviluppo incontrollato, avulso ed indifferente all’ambiente circostanze, delle quali verrà presentata un apposito lavoro, una “mappa della sostenibilità” in cui sono tracciate le imprese virtuose operanti in Italia.

Una giornata con i CSRnatives tra idee, possibilità e certezze intorno alla sostenibilità e alle sue professioni.

PROGRAMMA della manifestazione What a job! La sostenibilità è un lavoro!

9.30 Registrazione partecipanti

10.00 Apertura e benvenuto

10.15 Professione sostenibilità
Alcuni CSR manager sotto il fuoco incrociato di domande dei giovani su come si entra in azienda dalla porta della sostenibilità, attraverso quali studi, con quali competenze, con quali attitudini.

11.15 Il gioco della Mappa della sostenibilità
La Mappa della sostenibilità, l’iniziativa dei CSRnatives per fotografare le imprese responsabili in Italia, sarà presentata attraverso un gioco di interazione e partecipazione a squadre.
Due CSR Manager saranno i giudici e premieranno i vincitori

12.00 Conferenza nazionale CSRnatives
I CSRnatives da tutta Italia si ritroveranno per fare il punto sulla rete e dare slancio alle prossime iniziative. La riunione è aperta a tutti.

14.30 Lectio aperta
Lezione aperta a tutti sul tema della sostenibilità.

10.00 – 16.00 Information & Recruting
Nello spazio antistante l’aula sarà sempre attivo un punto di informazione sull’attività dei CSRnatives e su come aderire alla rete. CSRnatives “senior” saranno disponibili per brevi colloqui con gli studenti.

Link all’evento

Adottart: un museo diffuso del Rione Esquilino

Adottart – un museo diffuso del Rione Esquilino. Venerdì 13 aprile 2018 dalle 16:00 alle 20:30 presso Piazza Vittorio Emanuele II a Roma

L’Associazione culturale Arco di Gallieno presenta, il 13 Aprile 2018 a partire dalle 16.00, la II Edizione di Adottart, arte all’Esquilino. Nelle botteghe, tra i monumenti, alle finestre, su una porta, in un angolo dell’Esquilino, troveranno posto le opere degli artisti dell’Associazione Arco Di Gallieno. Ogni artista adotta un sito scegliendolo per affinità, per affetto, per empatia tematica. Gli interventi non sono condizionati da alcun limite né di dimensioni né di tecnica. AdottArt vuole creare un museo diffuso del quartiere, stabilendo una relazione continua con il suo tessuto economico e con la sua storia, evitando una presentazione fredda e alienata del lavoro artistico. Il progetto Adottart è nato daun’idea di Franco Cenci.

artisti partecipanti
Antonella Albani, Clara Casoni, Stefania Fabrizi, Mark Kostabi e Tony Esposito, Samantha Iovenitti, Massimo Livadiotti, Leonella Masella, Lucilla Monardi, Elena Pinzuti

botteghe e luoghi
Mercato Esquilino Settore Merci Varie – Radisson – Coltelleria Daniela Prezioso – Scatola Sonora – Flowers and Fruit – Libreria Buzzoli – Slow Food – Olive Dolci – Wine Art

orario tour

h 16.00 Leonella Masella, Mercato Esquilino Settore Merci Varie, via F. Turati 160
con concerto Sound Market/Shopping Concert, Performance musicale a cura di Luca Di Bucchianico e del NED ensemble

h 16.30 Kostabi – Esposito, Radisson, via F. Turati, 171
con concerto 16.30 di Mark Kostabi e Tony Esposito

h 17.00 Antonella Albani, Coltelleria Daniela Prezioso, Via C. Alberto, 41/41a
h 17.30 Stefania Fabrizi, Scatola Sonora, Via Ferruccio
h 18.00 Lucilla Monardi, Flowers and fruit, via Merulana, 64
con spettacolo danza

h 18.30 Samantha Iovenitti, Libreria Buzzoli, via Merulana 97
h 19.00 Clara Casoni, Slow Food, Sede della Condotta Romana, Via Petrarca 3
h 19.30 Massimo Livadiotti, Olive Dolci, via E. Filiberto, 140.
con spettacolo di danza rituale del repertorio classico indiano eseguita da Marialuisa Sales (danzatrice di danza classica indiana Barathanatyam/Odissi) in costume

h 20.00 Elena Pinzuti, Wine Art, Via Nino Bixio, 93 Roma

info al sito della manifestazione