Home / Tag Archives: Phonebloks

Tag Archives: Phonebloks

Il punto sui puntini: Google Fi e Ara, un anno dopo

L’evento della settimana, in quel paradiso dorato che è il mondo geek, è stato il Comic-Con di San Diego. Dal momento che però la mia copertura della kermesse si è limitata ad una visione parziale dei trailer cinematografici proiettati, che vi consiglio, l’oggetto dell’articolo sarà un altro. All’incirca un anno fa qui su Playground dedicammo due pezzi a Fi e Ara, tra i progetti più interessanti del 2015 di casa Google, e ho pensato potesse essere interessante tornarci su, per scoprire insieme cosa questi 365 e rotti giorni ci abbiano detto su quelle che, al tempo, non erano molto più che interessanti scommesse.

Project Fi

google_fi_0316

In questo caso l’utilizzo del termine “progetto” non è più appropriato: dopo un periodo di test ad inviti, la primavera 2016 ha visto l’apertura a tutti i cittadini statunitensi dell’innovativo servizio di telefonia e navigazione mobile made in Mountain View. Leggendo qua e là i resoconti dei primi clienti, sembra che il prodotto abbia mantenuto le aspettative sorte durante la sua fase embrionale, con tutti i pro e i contro del caso. L’idea di un futuro in cui non ci si debba più preoccupare della copertura di rete del proprio operatore nè di cercare manualmente reti wi-fi libere è allettante, e pare che con Fi Google abbia decisamente accorciato le distanze che ci separano da tale utopia.

Ricordo per chi non avesse letto l’articolo precedente che il servizio garantisce all’utente una copertura potenzialmente ininterrotta, basata su un monitoraggio costante delle reti disponibili (quelle gestite da carrier partner di Google e le free WiFi), seguita dall’aggancio automatico del dispositivo alla migliore tra queste. Se tale meccanica sembra funzionare in maniera soddisfacente, le note dolenti riguardano le condizioni di utilizzo del servizio: innanzitutto, probabilmente per rafforzare l’idea di un ecosistema Google che appaia sempre più irrinunciabile a noi utenti, è confermata l’esclusiva compatibilità di Fi con i dispositivi della gamma Nexus. In secondo luogo quella che sembrava una partnership iniziale e parziale con i provider di servizi telefonici T-Mobile e Sprint è invece rimasta inalterata, pertanto Fi, ad oggi, ancora non si avvale delle infrastrutture degli altri due colossi della comunicazione statunitense: Verizon e AT&T. A ciò si aggiunge la conferma di un altro aspetto che, speravo, sarebbe presto stato ridimensionato: sto parlando ovviamente dei prezzi dell’offerta. Ora, non ho abbastanza esperienza per giudicarne la competitività sul mercato statunitense, ma l’eventuale approdo in Italia di un servizio che preveda il pagamento di circa 35€ per sms e chiamate illimitati e due GB di navigazione (ossia la mia attuale offerta, che pago 10€ al mese) riscuoterebbe ben poco successo, anche tra i più accaniti fedeli di Big G.

Una domanda aggiuntiva che mi pongo riguarda poi l’aggancio automatico alle reti Wi-Fi: la mia esperienza con il cosidetto “free Wi-Fi” nostrano è costellata di hotspot il cui utilizzo è vincolato alla registrazione a improbabili portali che richiedono la creazione di un profilo personale, o, come in quasi tutti gli spazi universitari, pub ecc, non sono free neanche per sogno e richiedono l’inserimento di password da estorcere a segreterie, baristi e simili. Il mio timore è che in una simile situazione l’unica rete Wi-Fi a cui potremmo essere agganciati in automatico sarebbe quella di casa nostra, di fatto privando Fi di un buon 50% della sua attrattiva.

Restano comunque i numerosi aspetti positivi dell’offerta, tra cui spiccano il rimborso di ogni mega pagato e inutilizzato a fine mese e la cifratura automatica delle sessioni su reti Wi-Fi, e qualora Google trovasse soluzioni convincenti ai problemi sopra elencati comincerei ad attendere con ansia lo sbarco dell’offerta sulle coste di Anzio.

Project Ara

Google-Project-Ara-image-001

Ara, lo smartphone modulare erede di Phoneblocks, è forse il progetto di Google a cui sono più affezionato e che, fin dall’annuncio, attendo con più aspettative. L’idea di trasformare il telefono in una piattaforma personalizzabile, che risponda al meglio alle necessità del proprietario e introduca una componente ludica legata allo sperimentare di continuo nuove configurazioni, non può che stimolare la salivazione di chi sia cresciuto a pane e nerdate.

Dopo gli annunci e le presentazioni di un anno fa, al pubblico era stato concesso un incontro ravvicinato con un prototipo semi-funzionante: il tempo di lasciare perplesso l’uditorio con una serie di problemi di accensione e avviamento prima di sparire dai radar per mesi. Le poche notizie circolate durante la seconda metà del 2015 erano tutt’altro che rincuoranti, e riguardavano essenzialmente rimescolamenti di organico all’interno della squadra di sviluppo: basti pensare che il capo-progetto Paul Eremenko, di cui un anno fa avevo intessuto le lodi, ha abbandonato la nave e che la vaga data di rilascio dei primi modelli continuava ad essere posposta, per capire come il progetto sembrasse inesorabilmente destinato ad affondare nella palude del vaporware.

A sorpresa, invece, il 2016 ci ha portato dei notevoli sviluppi: pare che durante il periodo di silenzio, Google abbia compiuto discreti passi avanti, giungendo alla realizzazione di un modello effettivamente funzionante (per un resoconto dettagliato vi rimando a questo interessante articolo di Wired). Come previsto da molti già l’anno scorso, però, l’idea di una personalizzazione totale resta ancora un sogno. Se infatti, come ampiamente annunciato, Google e i suoi partner manifatturieri ci permetteranno di scegliere moduli come camera, speaker e schermo, lo stesso non si può dire del cuore pulsante del dispositivo: processore e RAM non saranno infatti intercambiabili, a causa di problemi di compatibilità al momento insormontabili. Non è inoltre da sottovalutare un aspetto chiave: la mia è la prospettiva distorta di chi ha, seppur vagamente, un’idea di concetti quali efficienza, prestazioni e clock, mentre l’utente medio, che ha altro a cui pensare, difficilmente sarebbe interessato a scegliere moduli la cui installazione non garantisca un feedback immediato. Se cambio fotocamera e scatto foto migliori lo vedo in un secondo, e ne godo, mentre quel secondo in meno nei tempi di reazione garantito dall’installazione di un modulo RAM più capiente difficilmente catturerebbe l’occhio.

Una chicca che non vedo l’ora di provare riguarda la disconnessione dei vari moduli: pare che sarà sufficiente pronunciare qualcosa come “Ok Google, scollega la fotocamera”, per assistere alla magica espulsione della componente dal corpo principale dello smartphone. Non vi sto neanche a dire quanto questo mi farà sentire simile a Bruce Wayne che parla alla Bat-mobile o a Tony Stark che dialoga con Jarvis. Parlando di date, pare che autunno 2016 vedrà il rilascio dei primi modelli destinati esclusivamente agli sviluppatori: l’idea di Google è infatti quella di presentarsi sul mercato generalista con un’ampia offerta di moduli di terze parti, pertanto sarà necessario lasciare qualche mese agli smanettoni di tutto il mondo per dare libero sfogo alla fantasia. Se tutto andrà come previsto, il 2017 sarà finalmente l’anno di Ara. Sembra infine che, nonostante le prime speculazioni volessero Ara come un dispositivo economico, la cui versione base sarebbe stata immessa sul mercato ad un prezzo oscillante tra i 50 e i 100 dollari, lo smartphone modulare sarà invece presentato da Google come un dispositivo di prima fascia, probabilmente venduto a cifre simili a quelle degli ultimi dispositivi Nexus, tra i 300 e i 400 dollari. Resto in attesa di ulteriori sviluppi e incrocio le dita.

I puntini sulle G: Google, Ara e il LegoPhone

Se un mese fa abbiamo parlato di Google Fi, ambizioso ma forse poco accattivante per l’uomo della strada, l’argomento di oggi è invece di quelli che catturano subito il click, il like e lo share un po’ di chiunque. Magari vi sarà capitato nei mesi scorsi di ritrovarvi in bacheca, condiviso dall’amico tecnofilo che sogna il giorno in cui la tecnologia ci libererà per sempre dal male, l’ormai celebre spot del progetto Phonebloks. Nel caso vi sia sfuggito, eccolo:

In breve, si tratta della proposta del designer olandese Dave Hakkens di uno smartphone modulare, in cui le diverse componenti hardware non siano saldate all’interno del dispositivo, quanto piuttosto incastrate sul retro di esso con un meccanismo mutuato dal Lego. In tal modo ogni elemento sarebbe sostituibile in caso di malfunzionamento o aggiornamento. Di più: ogni utente potrebbe realizzare il suo smartphone dei sogni: super ottiche per il drogato di Instagram, otto batterie per affrontare spedizioni nel deserto, subwoofer per i raverini in autobus e chi più ne ha più ne metta. Ora, sorvolando su una serie di espedienti comunicativi che giustificherebbero la lapidazione del buon Dave e del suo team a mezzo iPhone (“vision”, “growing movement”, “what the planet needs” et al.), il fascino dell’idea è innegabile. Le problematiche esposte nello spot, seppur espresse con una retorica insopportabile, sono reali. Produciamo una quantità di rifiuti insostenibile per il pianeta, spesso gettiamo un cellulare per colpa di una sola componente, e in tempi di crisi non ci salviamo comunque dallo spendere ogni paio d’anni le classiche due piotte per il nuovo modello. Poter sostituire i diversi moduli invece dell’intero dispositivo risolverebbe in teoria tutto ciò. Il boom virale di Phonebloks ha diviso subito la rete: sognatori estasiati da un lato, cinici razionalisti dall’altro. Le debolezze evidenziate da questi ultimi sono molteplici, tra cui:

  • difficoltà tecniche – allontanare le componenti hardware dal processore implica un aumento dei tempi di lavoro e reazione dell’intero sistema, inoltre la compatibilità (anche software) dei diversi elementi non è affatto scontata. Deal with it.
  • difficoltà economiche – non ci si improvvisa progettisti e produttori di tecnologie di alto livello; un piano del genere ha bisogno dell’appoggio di un colosso del settore, che di fatto andrebbe contro i propri interessi favorendo un cambiamento che ridurrebbe appetibilità e richiesta dei propri prodotti; al pubblico interessa il bello più che il pratico: in quanti preferirebbero un accrocco di mattoncini rispetto agli ormai iconici monoliti in vetro e alluminio?

La storia sembrava così morta ancor prima di cominciare: “per oggi niente rivoluzione ragazzi, mi spiace”, “S’annamo a pia’ Roma? – Oggi no, famo domani” e via di seguito. Se però c’è qualcosa che Hollywood ci ha insegnato, è che la notte è sempre più scura prima dell’alba. Ed è quindi un attimo prima che Phonebloks sia relegato per sempre nella soffitta del Vaporware che entra in scena il deus ex Mountain View. Google, tramite Motorola, lancia infatti a Ottobre 2013 la sua ultima idea: Project Ara, il primo smartphone modulare realisticamente realizzabile.

Segue un periodo di voci e incertezze durante cui nessuno capisce quale sia il reale destino del progetto. A stabilizzare la situazione giungono i primi “abbiamo qualcosa per le mani, forse funziona” e l’annuncio della collaborazione con i responsabili di Phonebloks, che, appurata la loro impotenza tecnica, si vedono assegnare il ruolo di fomentatori del web. La decisione più importante è forse quella di mettere a capo del progetto Paul Eremenko, Vero Drago tecnologico, passato per MIT e DARPA prima di approdare alla Google’s Advanced Technology and Projects division.
Qui il video di un suo keynote durante uno degli incontri con i potenziali sviluppatori di moduli per ARA:

Ciò che più mi colpisce è il senso di concretezza trasmesso dal discorso di Eremenko: non sono i vagheggiamenti di un comunicatore, quanto piuttosto i piani programmatici di uno smanettone abituato a far andare le mani prima della lingua. Sta palesemente leggendo il suo intervento e, nelle rare occasioni in cui è costretto (dal reparto marketing?) a passaggi SteveJobs-istici appare meno a suo agio di Rutelli con l’inglese.

Allo stato attuale pare che la creazione dei moduli sarà abbastanza liberalizzata, mentre la distribuzione passerà per una piattaforma dedicata, analoga al Play Store. Per quanto riguarda dimensioni e prezzi dei modelli, al momento sono annunciate tre diverse fasce, oscillanti tra la stazza di un 3310 e di un Nexus5, dal costo di fabbricazione compreso tra i 50 e i 100$.
Seppur in mani concrete, va detto che ad oggi la distribuzione dei primi modelli Ara ha già subito diversi rinvii: si era parlato di un primo rilascio a Gennaio 2015, poi spostato ad un generico “tardo 2015”. Ciò che è certo è che i primi fortunati a poter giocare con il LegoPhone saranno gli abitanti di Porto Rico, paese baciato da una favorevole (per Google) congiuntura infrastruttural-economica. Pare infatti che l’isola caraibica sia coperta da un notevole numero di operatori telefonici e preveda tassazioni decisamente leggere per chi intenda investirvi.

A questo punto a noi nerd scavatori del resto del mondo non resta che pazientare, appizzare l’orecchio, confidare nei mezzi e nella concretezza di Big G. Nonostante i dubbi esposti restino, primo fra tutti la risposta del grande pubblico poco avvezzo a non avere la pappa pronta, posso affermare che poche cose mi eccitano più di Project Ara. Sono fomentato come una scimmia, e voglio i miei mattoncini.

Piccola chicca, tornando per un attimo a Phonebloks e alle modalità di comunicazione scelte dai suoi ideatori. Vi lascio con questo commento reperito su YouTube, che mi sento di condividere in pieno (se non la capite peccato, le battute non si spiegano):

jesse