Home / Tag Archives: Rione Monti

Tag Archives: Rione Monti

Eugenia de Petra inaugura La Stanza, il nuovo spazio creativo a cura di Studio Pivot

La Stanza è il nuovo cuore creativo del rione Monti. A cura di Studio Pivot, ogni settimana accoglierà designer, curatori, artisti, fotografi e realtà indipendenti che svilupperanno al suo interno progetti speciali.

La prima esposizione che inaugura lo spazio è (Ir)regular lines di Eugenia de Petra. Con questo progetto le linee regolari delle immagini dell’artista fondono equilibrio visivo e razionalità prospettica, portando lo sguardo a percorrere una strada che ha un inizio e una fine, appunto regolari. Eugenia de Petra ha voluto concentrarsi sugli angoli che si creano grazie alla struttura architettonica e grazie alla sua inquadratura. Sono presenti linee che tagliano il cielo e accompagnano lo sguardo dell’osservatore a porsi domande sull’immagine in questione e chinando la testa verso destra o sinistra questi potranno lasciarsi trasportare dall’immaginazione. L’artista in questo modo riesce a mischiare realtà e razionalità architettonica con irrealtà data da un punto di vista inusuale. (Ir)regular Lines è frutto di un percorso artistico iniziato con il progetto Isole, “luoghi distanti, conchiusi e visti spesso da lontano” come li definisce l’artista nei quali la stessa si abbandona al fascino delle linee e delle forme della struttura.

La mostra sarà accessibile fino al 13 Giugno, dal 14 Giugno si potrà invece apprezzare Prove Remote di Andrea De Fusco che esporrà ne La stanza di Monti fino al 18 Giugno.

 

8-13 giugno – Eugenia de Petra w/ (Ir)regular Lines
14-18 giugno – Andrea De Fusco | Prove Remote
Info e orari: https://lastanzamonti.tumblr.com/
Per iscriversi alla mailing list: https://goo.gl/EA2wHs
Instagram: https://www.instagram.com/lastanzamonti/
Per avere informazioni sullo spazio: lastanza@studiopivot.it

La Stanza – Via Cimarra 57/a – Rione Monti

CultRise – Chi ha detto che a Roma non si fa nulla?

Nel panorama italiano da un decennio si ripete, in una banalità degna di Severgnini, che a Roma non si fa mai nulla. Una generazione attanagliata da disoccupazione e perdita del più grande patrimonio storico artistico del mondo, cerca svaghi in luoghi lontani e spesso privi di concretezza tecnica e senso della bellezza.

Nulla è più falso del considerare Roma una città morta. Essa, lontana da fiere del mangiare ogm e musei in 3D pulsa nuove energie lontane dai riflettori, ma con i riflessi che si irradiano nel futuro.

Così nel Rione Monti, nel lato lontano dalla Banca d’Italia, da stasera apre la serranda del network artistico e multidisciplinare CultRise a Via Madonna dei Monti 27. Il tutto con una ” Mostra d’arte ” che ha scelto di essere legittimata attraverso i contenuti e non in un titolo ( brand ) iper concettuale.

I contenuti della mostra spazieranno tra pittura tradizionale sia figurativa che astratta, street art, illustrazioni, sculture , installazioni, oggetti di design, fotografie e recycled art. Sette artisti, divisi da stili e tecniche e uniti nel network di CultRise: Luca Barrel, Jerico, Gian Maria Marcaccini, Jacopo Brogioni, Simone Martini, Flavia Grazioli e Cecilia Caporlingua ( fondatrice di CultRise).

Alle 20 Jacopo Troiani presenterà il suo nuovo album dal titolo: “Alba o Tramonto ?”. In versione acustica per travolgere elegantemente il pubblico che accompagnerà il pomeriggio monticiano.

Chi ha detto che a Roma non si fa nulla?