Home / Tag Archives: settimana della moda new york

Tag Archives: settimana della moda new york

NY Fashion Week: se la tuta diventa di moda

In quale momento la tuta è diventata sexy? Quando è successo che felpone e leggings immancabilmente accoppiati a capelli sporchi di tre giorni sono stati classificati come un “outfit” potenzialmente glamour? Forse avremmo dovuto intuirlo in quelle mattine al supermercato, verso le 11,30, quando aitanti giovani mamme sfilano tra il banco frigo e la panetteria in tuta sì, ma abbinata a capelli perfetti, borse di Chanel e mega occhiali. Forse avremmo dovuto vedere i segnali nella nostra vicina di tapisroulant con pantaloni fluo, scarpe fluo e reggiseno sportivo fluo. Non ci abbiamo mai prestato troppa attenzione. Le strane erano loro.

Poi sono arrivati i selfie delle top. Da Karli Kloss a Gigi Hadid, le modelle hanno iniziato a mostrare l’allenamento che c’è dietro ai fisici perfetti. Ovviamente ogni fatica del #TrainingLikeAnAngel si fa indossando le mise sportive di Victoria’s Secret. Hanno seguito a ruota le nostre amiche Instagrammer, e se dietro al numero dei tuoi follower c’è una K, la tuta con il selfie di fronte allo specchio è scelta con cura.

Stella McCartney per Adidas
Stella McCartney per Adidas

Sempre le star hanno fatto cadere l’ultimo dei tabù: in palestra con il fidanzato. Un tempo c’erano cose che il tuo ragazzo non doveva sapere mai: tutte le donne nascono con i peli alle gambe, tutte le donne non si svegliano con il rimmel, tutte le donne hanno inconfessabili abiti da palestra e sudano tremendamente per avere gambe e glutei da far girare la testa. Ora gli amori delle celebrities crescono tra una flessione e un piegamento. Si fa ginnastica insieme e lui tiene il conto mentre lei, alla moda e meravigliosa anche struccata, fa gli addominali.

È successo così che senza accorgercene abbiamo iniziato a guardare diversamente le nostre scarpette da corsa e a iniziare a considerare l’idea di abbinarle anche ad abiti civili. Chi non ha mai classificato un compagno delle medie come “quello con le Adidas”?. Ora Stella McCartney ora disegna per Adidas una linea di abbigliamento sportivo super fashion. Carlo Cracco fa da testimonial nelle pubblicità Diadora. Le Puma disegnate da Rihanna sono andate subito sold out. Le indossano anche Jessica Alba, Cara Delevingne e Lena Dunham.

gigi-bella-hadid-rihanna-puma-creepers

Quest’anno alla New York Fashion Week ha debuttato la prima collezione Fenty Puma by Rihanna. Una completa di calzature, abbigliamento e accessori uomo e donna disegnati dalla pop star in veste di creative director. Maglie a maniche lunghe, giacche e felpe con cappucci oversize ispirati dalla street culture giapponese mescolata con sfumature gotiche, volumi e proporzioni esagerati.

Rihanna per Puma alla NY Fashion Week
Rihanna per Puma alla NY Fashion Week

Sempre alla NY Fashion Week Kanye West ha presentato al Madison Square Garden la sua terza collezione per Yeezy, la linea creata da Adidas Originals apposta per lui. In passerella Naomi Campbell ha sfilato insieme a modelli e modelle tutti di colore. In prima fila Anna Wintour sedeva accanto alle sorelle Kardashian. La collezione era ispirata all’esodo dei migranti: maglioni con buchi e tute molto aderenti, che univano elementi più sportivi a dettagli di streetstyle, come scarponi o giubbini in montone. Look non più sportivo ma “sporty”, ossia atletico ma sexy e glam.

Kanye West per Adidas alla NY Fashion Week
Kanye West per Adidas alla NY Fashion Week

8 curiosità sulla New York Fashion Week

La New York Fashion Week si è appena conclusa. Modelle e fashioniste sono già proiettate su Londra e mentre per gli operatori del settore è il momento di tirare le somme sulle tendenze per la Primavera Estate 2016, noi che il costume l’abbiamo appena messo via, possiamo concentrarci sul meglio dalla Grande Mela. 

Ecco 8 curiosità sulla NYFW:

  1. La settimana della moda di New York si è aperta l’11 settembre con la sfilata di Givenchy. Per ricordare il giorno più triste della storia americana recente, il Riccardo Tisci, da dieci anni direttore creativo della maison, ha organizzato uno show esemplare con l’aiuto di Marina Abramović, la location per lo show è il Pier 26, simbolico per la sua posizione con vista su Ground Zero. La passerella è delimitata da casse e materiali di scarto a riprova, spiega Marina, che si può sempre costruire qualcosa dalle macerie.givenchy-new-york-fashion-week-2015-spring-summer-collection-2016-620x388
  2. Candice Swanepoel, anche Angelo di Victoria’s Secret, è rovinosamente caduta sulla passerella. Anche Pooja Mor è inciampata sugli scalini di legno facendosi aiutare dal pubblico per rialzarsi. Novità assoluta per il mondo della moda: la sfilata era aperta alla gente comune: “Il fatto di continuare ad essere cosi snob, così chiusi, solo per addetti ai lavori e celeb, lo trovo, specie a New York, superficiale”, ha spiegato Tisci
  3. Parata di supermodelle anche da Diane Von Furstenberg. Ad aprire la sfilata per la presentazione della collezione donna p/e 16, Karlie Kloss,  23 anni,  con abito iconico della maison, a stampa floreale sui toni del rosa. Un colore che torna in tutta la collezione, decisamente femminile. E poi ecco apparire Kendall Jenner in total white, Gigi Hadid in total black, Jourdan Dunn, Iryna Shayk. Per la 19 enne Kendall abito in chiffon bianco, con farfalle dorate, trasparenze che lasciano intravvedere il capezzolo con il piercing e qualche pelo di troppo: sul suo profilo Instagram prima della sfilata pubblica una foto mentre si depila le gambe con il rasoio
  4. Riflettori puntati sulla sfilata di Kanye West, rapper, produttore, marito di Kim Kardashian (in prima fila a vedere lo spettacolo) e autocandidato presidente degli Stati Uniti. West ha presentato la sua collezione, Yeezy Season 2, per la seconda volta in collaborazione con Adidas Originals: modelle con la coda e abiti dalle tinte nude e beige, allineate come militari.ne york fashion week kanye west adidas
  5. DKNY senza Donna Karan, alla seconda linea di Donna Karan debuttano gli stilisti Dao-Yi Chow e Maxwell Osborne.
  6. Sconfitta sul campo, dalla nostra Roberta Vinci in semifinale agli Us Open, Serena Williams ha messo da parte la racchetta e si è dedicata alla moda. La tennista debutta alla New York Fashion Week come stilista con una collezione realizzata per HSN. In prima fila c’erano Anna Wintour, Gigi Hadid e Lily Aldridge. In passerella abiti in pelle e suede, frange e cappelli in stile boho-chic da città.
  7. La modella con il braccio bionico alla NYFW.. Così il mondo ha riassunto il portfolio di Rebekah Marine che ha sfilato per Archana Kochhar – An Ace couturier durante la sfilata di FLT Moda della New York Fashion Week. Segni particolari? Bellissima. Ha 28 anni, è nata nel New Jersey e per il mondo è affetta da disabilità per via del suo braccio bionico: è nata senza avambraccio e la sua vita è cambiata in meglio quando a 22 anni ha deciso di optare per una protesi mioelettrica al posto di quella meccanica.ARCHANA-KOCHHAR-NYFW-REBEKAH-MARINE
  8. Non è così scontato che quando si parla della stagione calda ci siano degli accenni al mare, è anzi cosa rara, se non nel settore beachwear. Per essere sicuro che iniziassimo già a a pensare alle prossime vacanze al sole, Tommy Hilfiger riproduce nelle sue creazioni le atmosfere di isole paradisiache come Jamaica e Barbados, per una linea che ha definito “tropicale, coloratissima, che si ispira al sole, alla sabbia, all’acqua”. In passerella, infatti, ci sono cappellini reggae, pantaloni larghi, abiti lunghi e comodi a righe o con stampe floreali, top e tessuti all’uncinetto. Le altre tendenze per la prossima stagione calda? Fiori, black&white, arancione, Rock style, Hippie- Bohemien, mega accessori. Ma prima della prossima estate c’è tempo..next stop London Fashion Week.

Per caso ieri era San Valentino?

Le 10 cose da fare a San Valentino, la lista dei regali per lui e della biancheria sexy per lei, quello che gli piace fare a letto per San Valentino, i ristoranti per farla innamorare, come rendere speciale il 14 febbraio per il tuo gatto. Non se ne può più di una festa annunciata ovunque, con qualunque mezzo e con un così largo anticipo.

Purtroppo la giornata dell’amore romantico cade male nel calendario. Abbiamo appena smaltito le ultime briciole di panettone entrato in casa con la formula tre al prezzo di uno, abbiamo con fatica rimesso negli scatoloni addobbi, renne e alberelli cinesi. Prendiamo un attimo fiato prima di dover tirare fuori maschere e coriandoli.
Abbiamo fatto fatica a digerire castagnole fritte che sono in vetrina già la mattina dopo di quando sono state tolti i riempitivi da calza della befana. Già incombono i coniglietti nella stagnola su un letto di ovetti di Pasqua e le colombe si stanno scongelando, ma da fine gennaio dobbiamo affannarci di nuovo a pensare a scatole rosso fuoco con tanti cuoricini, tanti tramonti infiniti, e pochi cioccolatini.

Se odi San Valentino non ti meriti di essere considerato un cinico anaffettivo, magari sei solo diabetico a manifestazioni d’affetto innaturali. Se ami San Valentino non puoi neanche sentirti libero di festeggiare andando a mangiare un hamburger nel posto del vostro primo incontro perché per l’occasione avrà solo: “Cuoricini di macinato alle fragole e spezie al cioccolato”.

Qualunque sia la vostra scelta di campo l’importante è essere coerenti. Non scrivete su facebook: “Odio San Valentino” solo perché siete single, ma se foste fidanzati vi trasformereste nei più grandi finanziatori della Lindor. E se siete dei romantici non vergognatevi di mettere quel cuoricino come status perchè pensate sia da sfigati. Le plateali e pubbliche effusioni/slinguazzate sono un’altra cosa..e, a mio parere, andrebbero bandite tutti i giorni dell’anno. Storditi dal bombardamento di Cupidi e cene afrodisiache su Groupon, la prima reazione è tagliarsi fuori dal mondo e non aprire un sito o una rivista almeno fino a quando i cioccolatini non saranno scaduti. Ecco quello che ci siamo persi nel mondo della moda:

– Il 13 febbraio si è conclusa la settimana della moda di New York che ora passa il testimone a Londra. Gran Finale sulle passerelle della Grande Mela con Ralph Lauren che per la prima volta ha portato in passerella la linea Polo Donna, 25 look giovani e dal mood sporty chic americano, seguiti dalla prima linea Ralph Lauren Collection.

– Diane von Furstenberg ha scelto Michael Herz come nuovo direttore artistico: Herz si occuperà di tutto quello che ha a che fare con la linea pret-a-porter, con gli accessori, con l’interior design dei negozi e con le campagne pubblicitarie su scala globale. Il ruolo era vacante dal 2012; dopo l’abbandono di Yvan Mispelaere.

– Le scarpe da sogno di René Caovilla festeggiano 80anni, per il suo compleanno il marchio regala alle sue fan ben due collezioni di scarpe speciali in partnership con Neiman Marcus e Bergdorf Goodman.

– Shoshi Games 2014 è diventata la parodia più riuscita delle olimpiadi di Sochi, il riferimento è a Shoshanna Shapiro, l’attrice di Girls. Guardare per credere: http://shoshigames.tumblr.com/

Ma il 14 febbraio a tutto ciò non potevamo badare. In un ritrovato clima pre-capodanno, dovevamo anche trovare una risposta alla domanda:”Cosa fai stasera?” che non ci facesse guardare con disapprovazione/compassione da persone tipo la mia estetista che per il semplice fatto che avessi preso un appuntamento per la ceretta aveva dedotto che avessi qualche serata di fuoco in programma. Alla risposta: “Vado a cena con le mie amiche”, ha abbassato lo sguardo in silenzio.