Home / Tag Archives: ue

Tag Archives: ue

TTIP – Cosa prevede?

Il TTIP è il più importante accordo in discussione tra gli Stati Uniti d’America e l’Unione Europea. Ufficialmente il TTIP è un Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (Transatlantic Trade and Investment Partnership, TTIP), inizialmente definito Zona di libero scambio transatlantica (Transatlantic Free Trade Area, TAFTA),  in corso di negoziato dal 2013 tra l’Unione europea e gli Stati Uniti d’America. Quanto ai contenuti nessuno sa bene cosa prevedano le fasi dibattimentali, poiché i negoziati sono posti sotto il massimo riservo e coperti ufficialmente da “segreto negoziale”.

 

L’obiettivo dichiarato è quello di integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e rimuovendo in una vasta gamma di settori le barriere non tariffarie, ossia le differenze in regolamenti tecnici, norme e procedure di omologazione, standard applicati ai prodotti e regole sanitarie. Ciò renderebbe possibile la libera circolazione delle merci, faciliterebbe il flusso degli investimenti e l’accesso ai rispettivi mercati dei servizi e degli appalti pubblici. La rimozione di regolamenti e standard rappresenterebbe la più grande rivoluzione normativa in Europa dalla firma del Trattato di Maastricht.

 

Qualora si dovesse raggiungere l’accordo sul TTIP e si pervenisse alla sua approvazione esso rappresenterebbe la più vasta area di libero scambio esistente, poiché UE e USA rappresentano circa la metà del PIL mondiale e un terzo del commercio globale. L’accordo potrebbe essere esteso ad altri paesi con cui le due controparti hanno già in vigore accordi di libero scambio, in particolare i paesi membri della North American Free Trade Agreement (NAFTA) e dell’Associazione europea di libero scambio (EFTA).

 

Il documento individua quindi tre principali aree di intervento:

1 – accesso al mercato

2 – ostacoli non tariffari

3 – questioni normative

 

Il trattato coinvolge circa 820 milioni di cittadini e legherebbe in un’unica zona di scambio l’Oceano Atlantico. La somma del Prodotto Interno Lordo di Stati Uniti e Unione Europea corrisponde a circa il 45% del PIL mondiale, rappresentando la zona dominante il mercato. La mancanza di certezze sui contenuti e la scarsa informazione fanno temere il peggio, anche se i dati relativi a una possibile crescita ne costituiscono il fattore di maggior adesione.

 

IL FRONTE DEL Sì –  Autorevoli istituti come  Center for Economic Policy Research di Londra e l’Aspen Institute sostengono  che attraverso il Parteneariato Atlantico potrebbe concretizzarsi un aumento del volume degli scambi e in particolare delle esportazioni europee verso gli Stati Uniti, di cui l’incremento quantificato sarebbe pari al 28%, circa 187 miliardi di euro. Va rilevato come i dazi tra Stati Uniti d’America e Unione Europea siano in media piuttosto bassi, quasi la metà di quanto imposto verso gli altri paesi del mondo, anche se ci sono grandi differenze tra settori . Nonostante ciò, come sostenuto da parte della dottrina macroeconomica, se i dazi vengono applicati su un grande volume possono diventare un ostacolo rilevante. Questo vale ancora di più visto che il processo produttivo è spezzato tra paesi diversi (componenti o fasi prodotti o realizzati in vari paesi): piccoli dazi applicati più volte possono avere dunque un impatto importante sul prezzo del bene finale.

 

IL NUTRITO FRONTE DEL NO – Prima questione da affrontare che rapprersenta una delle principali critiche ai negoziati è la loro segretezza e mancanza di trasparenza; e anche il fatto che ad aver condotto il principale e più citato studio sui benefici dell’accordo sia  stato il Center for Economic Policy Research di Londra, che gli oppositori al TTIP non considerano credibile perché finanziato anche da grandi banche internazionali. Questi gruppi sostengono che le cifre sull’impatto dell’accordo sono piuttosto ambiziose, che sarebbero previste solo per il 2027 e che comunque sono troppe le variabili non considerate per poter fare una stima affidabile.

 

La più autorevole critica è stata riassunta nel numero di giugno 2015 di Le Monde Diplomatique. Il fronte contrario si divide equamente tra Usa e Unione Europea. Nel caso americano il fronte di opposizione è guidato da Lori Wallach, direttrice di Public Citizen – associazione con sede a Washington – la quale  ha spiegato in dieci punti i possibili rischi del trattato per gli Stati Uniti: farmaci meno affidabili, aumento della dipendenza dal petrolio, perdita di posti di lavoro per la scomparsa delle norme sulla preferenza nazionale in materia di forniture pubbliche, assoggettamento degli stati a un diritto fatto su misura per le multinazionali, e così via. Sul fronte europeo si schierano principalmente: la Francia con la Presidenza Hollande, Slow Food, GreenPeace, l’European Social Forum e le maggiori confederazioni di lavoratori.

 

Le principali critiche sono le seguenti:

NORMATIVA SUL LAVORO –  I paesi dell’UE  adottano  normative in conformità con l’Organizzazione dell’ONU che si occupa di lavoro (l’ILO). Di queste normative gli Stati Uniti hanno ratificato solo due delle otto norme fondamentali. Quindi secondo le confederazioni dei lavoratori e la dottrina giuslavorista si rischierebbe di minacciare i diritti fondamentali dei lavoratori.

 

AGRICOLTURA – L’agricoltura europea, frammentata in milioni di piccole aziende, finirebbe per entrare in crisi se non venisse più protetta dai dazi doganali, soprattutto se venisse dato il via libera alle colture OGM. Si discute in termi economici in questo caso e non scientifici.

 

CONSUMATORI – Se il consumatore è al centro di quel prodotto normativo che nel 2009 ha rivoluzionato l’Unione Europea, ossia il Trattato di Lisbona, ciò differisce dagli Stati Uniti d’America. Infatti, in Europa vige il principio di precauzione, l’immissione sul mercato di un prodotto avviene dopo una valutazione dei rischi, mentre negli Stati Uniti per una serie di prodotti si procede al contrario: la valutazione viene fatta in un secondo momento ed è accompagnata dalla garanzia di presa in carico delle conseguenze di eventuali problemi legati alla messa in circolazione del prodotto (possibilità di ricorso collettivo o class action, indennizzazione monetaria).

 

SERVIZI PUBBLICI – I negoziati sono orientati alla privatizzazione dei servizi pubblici e ciò desta parecchii timori nelle reti per i Beni Comuni. Sarebbero, secondo la critica, a rischio il welfare e settori come l’acqua, l’elettricità, l’educazione e la salute sarebbero esposti alla libera concorrenza. Inoltre, questa parte dell’accordo potrebbe creare problemi di legittimità costituzionale in alcuni paesi membri dell’Unione Europea.

 

PROPRIETA’ INTELLETTUALE– Le disposizioni a protezione della proprietà intellettuale e industriale attualmente oggetto di negoziati potrebbero minacciare la libertà di espressione su internet o privare gli autori della libertà di scelta in merito alla diffusione delle loro opere. Si ripresenterebbe insomma la questione dell’ACTA, il controverso accordo commerciale su contraffazione, pirateria, copyright, brevetti la cui ratifica è stata respinta il 4 luglio 2012 dal Parlamento Europeo.

 

TTIPLEAKS – A inizio maggio, precisamente alle ore 11 di martedì 3 maggio, Greenpeace ha scosso l’Europa svelando parte della trattativa, che doveva restare coperta da segreto negoziale. Tra i “Ttip papers” svelati  da Greenpeace, una nota segreta ad uso interno della Commissione europea ha spiegato come stiano andando i negoziati. Su questa fuga di notizie, l’indiziata principale è quella parte di Commissione Europea legata con i suoi funzionari ad alcuni Paesi Membri contrari all’accordo.

os

Ecco i punti principali del documento ottenuti da Greenpeace Olanda:

Denominazione d’origine per i vini –  “Sul vino l’Ue ha ribadito che il Ttip deve includere regole complessive sui vini e alcool basate sull’integrazione degli accordi bilaterali esistenti ed eliminare la possibilità per i produttori Usa di utilizzare le 17 denominazioni di vini Ue (cosiddettì semi-generici) elencati nell’annesso 2 dell’accordo del 2006 sul vino. Gli Usa hanno reitrerato la propria opposizione all’integrazione delle norme sul vino nel Ttip e alla richiesta Ue sulle denominaizioni semi-generiche. L’Ue ha espresso forte preoccupazione e continuerà a seguire la questione a livello politico”.

 

Gli Stati Uniti dunque rifiutano la domanda Ue di non utilizzare per i loro prodotti 17 denominazioni “semi-generiche” di vini europei, come gli italiani Chianti e Marsala, il greco Retzina, l’ungherese Tokaj, il portoghese Madeira, lo spagnolo Malaga e i francesi Chablis, Sauterne e Champagne.

 

Cosmetici – “La discussione sui cosmetici rimane molto difficile e  il margine per raggiungere obiettivi comuni è abbastanza limitato”. A causa della limitazione in Europa ad eseguire test sugli animali “l’approccio di Ue e Usa resta inconciliabile e i problemi di accesso al mercato europeo dunque rimarranno”.

Definizione degli standard – “Gli Stati Uniti hanno insistito nella loro domanda affinché la Commissione europea ‘richieda’ (…) che esperti statunitensi siano coinvolti nello sviluppo del processo di standardizzazione di CEN e CENELEC (senza garanzie di reciprocità) come condizione per riferirsi agli standard tecnici armonizzati”.

Il CEN è il comitato europeo per lal standardizzazione tecnica e il CENELEC svolge la stessa funzione in campo elettrotecnico. Tra gli ultimi standard fissati, ad esempio quelli sulla sicurezza degli accendini con particolare attenzione alla protezione dei bambini, le caratteristiche tecniche per le prese elettriche o gli standard dell’osteopatia.

Appalti pubblici – Nel capitolo sull’attività regolatoria, la proposta degli Stati Uniti ripetutamente chiede che “la regolazione sia riferita e applicabile a livello di Stati membri”, ma parlando di appalti pubblici la Commissione europea sottolinea che “gli Stati Uniti non sono stati in grado di offrire risposte o commenti al riguardo degli appalti a livello sub-federale ed hanno sottolineato le loro difficoltà e la sensibilità in questo settore”.

Regolazione servizi finanziari – Unione europea e Stati Uniti non hanno modificato le loro posizioni sulla cooperazione regolatoria nei servizi finanziari: gli Usa continuano ad opporsi a discutere questo aspetto nel Ttip, mentre l’Ue ha confermato che la sua offerta per un mutuo accesso ai Servizi finanziari si incardina su un impegno soddisfacente degli Usa nella cooperazione nelle regolazione”.

 

Infine, a sostenere il fronte avverso al TTIP, non vi sono politici al governo, bensì l’economista e saggista statunitense, premio Nobel per l’economia nel 2001 Joseph Stiglitz. Joseph Stiglitz, statunitense “europeista” alla vigilia del Brexit, il referendum che il prossimo giugno chiederà agli inglesi di esprimersi sull’adesione all’Unione europea, ingaggiato come consulente da John McDonnell, ha sostenuto che: se l’accordo transatlantico di libero scambio tra Unione e Stati Uniti (Ttip) fosse simile a quello già raggiunto tra Usa e Pacifico (Trans-Pacific Partnership, Tpp) «nessuna democrazia» dovrebbe sostenerlo.

Al futuro e ai governanti dei 28 Paesi dell’UE e Parlamentari Europei sarà concesso il privilegio di decidere se aderire o meno all’accordo. In questo clima di segreti e “fughe di notizie” resta un dato certo: che si parla della libertà. Ma, come sempre essa riguarda merci e flussi di denaro e non le persone. Persone che poi affidano alla “democrazia” il loro destino, in un deficit di rappresentatività e trasparenza. D’altronde, a quanto pare, l’unica trasparenza che è richiesta nel duemilasedici è quella delle vetrine.

Attacchi di Parigi – La banalità del giorno dopo

Tutto il mondo è rimasto scosso dagli attacchi di Parigi sferrati nella notte di Venerdì 13 novembre. Un attentato nella culla della democrazia, la Francia, quella stessa Francia che viene ricordata con orgoglio europeo come la patria di tutte le Rivoluzioni contro l’autoritarismo.

Subito dopo l’accaduto ondate di solidarietà hanno invaso web e social network, dando vita ad hashtag e post senza tregua che esprimevano oltre il proprio sentimento di vicinanza nei confronti dei parigini e delle vittime, anche odio e disgusto nei confronti degli attentatori ed una serie di invettive senza tregua nei confronti dell’estremismo islamico e non solo.

L’inventore di Facebook non ha tardato a dar vita ad una nuova “bandiera-profilo”, colorando di blu bianco rosso le bacheche di ognuno di noi, generando una sorta di moda, uno sfoggio, una gara al più solidale della piattaforma virtuale.
In una società in cui ogni accadimento diventa frutto di mercificazione e di macabro esibizionismo non ci siamo fatti mancare lo sciacallaggio mediatico, incline all’accaparramento di likes e all’aumento dello share televisivo, che hanno reso un accadimento drammatico, l’ennesima occasione di rivoltante omologazione.

Dal cappello abbiamo ritirato fuori l’ormai inflazionata, per quanto riguardo l’argomento, Oriana Fallaci, rimarcando le sue doti da Nostradamus, persone che non hanno mai nemmeno sfiorato l’idea di informarsi su cosa accadeva nel mondo sono diventati improvvisati professori di geopolitica.

Il tema è delicato, l’allarmismo alto, la paura giustificata ha generato una caccia l’uomo senza precedenti, si vive con il sospetto che il proprio vicino possa non essere la persona che si crede, e che il ristorante vicino casa sia il luogo dove si potrebbe perdere la vita.

Si grida al blocco dell’immigrazione, alla chiusura delle frontiere, la cacciata di massa di musulmani; soluzioni fittizie, contentini da massa ignorante. I principali artefici degli attentati infatti sono regolari cittadini europei, cresciuti e formatisi nelle nostre scuole, nelle nostre università, segno che l’infiltrazione, l’indottrinamento agiscono in modo subdolo e che non sono frutto dell’importazione di qualche “uomo nero” immaginario che varca il confine.

Contro ogni buonismo sappiamo per certo che nella religione Islamica esiste da sempre una corrente più estrema, che rivendica la volontà di voler ripulire il mondo dagli infedeli e dalla corruzione delle abitudini occidentali, con il sangue e con le bombe e che la tolleranza in certi casi è inutile se non dannosa.

Dobbiamo quindi avere il coraggio di ammettere che questi fenomeni sono anche la causa di un’integrazione mal riuscita, non sempre perché noi europei siamo “brutti e cattivi”, come spesso noi stessi amiamo dipingerci per darci un accento cosmopolita, ma per il semplice e naturale fatto che il meltin pot che tanto abbiamo cercato di raggiungere ,può trovare dei limiti sostanziosi quando si ha a che fare con determinate culture.

Che l’Europa abbia la responsabilità di fare fronte comune in modo unitario contro il fanatismo religioso che ormai non è più alle porte, ma che striscia silenziosamente nelle nostre strade, è chiaro; che lo si voglia fare generando una nuova ventata di xenofobia incontrollata è certamente sbagliato.

Il continente Europeo baluardo di civiltà e valori riconducibili alla tolleranza ha il bisogno di ritrovare un po’ del suo orgoglio, quel coraggio che sembra l’unica e reale arma contro un movimento terroristico che basa la sua propaganda e trae linfa vitale dal terrore che riesce a scatenare.

La paura rende forti i militanti dell’Is, e non saranno dei bombardamenti a tappeto da parte di Francia e Russia a fermarli: l’onnipotenza che l’allarmismo di questi giorni ha generato è andata solo ad accrescere la convinzione per quegli estremisti che il tempo per la loro ascesa è ormai giunta.

Purtroppo con rammarico oltre agli attacchi dell’Islamic State quello che davvero spaventa è l’idiozia e la superficialità della gente che ha sentito la necessità di dare libero sfogo alla propria ignoranza, abusando quasi di quel diritto sacro che è la libertà d’espressione: forse sarebbe necessario abbandonare un po’ delle nostre messe in scena da terzo millennio fatte di scuse virtuali e canzoni condivise per riscoprire la nostra cultura, per sapere cosa stiamo difendendo così affannosamente, ancorandosi a quelle credenze che ci hanno reso unici come popoli e soprattutto avendo la consapevolezza che i primi ad essere indottrinati siamo noi, che ormai pigri di ricercare la verità e troppo spesso incapaci di una vera analisi su quello che accade ci abbandoniamo agli eventi e ci scarichiamo la coscienza con la condivisione di un link.

L’occasione mancata

Il parlamento di piazza Syntagma ha votato sì al primo pacchetto di misure euroimposte oltre la mezzanotte di mercoledì ponendo così fine alla prima fase della più cruenta crisi che l’Unione abbia mai dovuto fronteggiare. Ad Alexis Tsipras la storia tributerà qualche alloro e tante gramigne.
Tra i pregi vi è quello indiscusso di aver dato una smorzata alla grigia estetica di Bruxelles e delle istituzioni europee con la nomina del mascalzone latino di Varoufakis, con il rifiuto dei protocolli, con l’uso continuo della mediterranea arte della procrastinazione, con l’audacia virtuale di aver proposto una via d’uscita solonica a proposte draconiane. Ma quello più importante è stato di aver rimesso la politica in ogni suo senso al centro della discussione storica sull’Unione europea e sui suoi meccanismi, sul suo funzionamento e sul suo stesso destino. Al netto dell’impatto scenografico, culminato con il referendum, il giovane premier di Syriza, ormai logorato da dissidi intestini, è stato autore di una interminabile partita a poker che lo sta vedendo in queste ore uscire inesorabilmente sconfitto poiché anche l’Unione è stata in grado di spostare il baricentro dialettico su temi politici – come l’opzione Grexit- e di condurre i negoziati in organismi, e con strumenti, extra Ue (eurogruppo, ESM ecc.).
La verità, che si può accettare o meno, è che dall’insediamento di febbraio ad oggi il governo greco ha attuato un decimo del suo programma e non ha cantierato nessuna della riforme strutturali di cui la Grecia ha bisogno da sessant’anni. Il premier, come si diceva, ha fatto il politico, bene, ma non lo statista, male. Il dark side della trovata referendaria è quello di aver consegnato l’illusione al proprio popolo di poter auto-determinarsi e di rinvigorire la propria capacità contrattuale nei negoziati senza consegnare un serio prospetto informativo di quali sarebbero state le conseguenze dell’una o dell’altra scelta.
Il gesto, irresponsabile quanto coraggioso, è stato subito preso in prestito da euroscettici, retori della dignità dei popoli ed ogni genere di pecorone. Ci si è messi in bocca l’antichità- Grecia antica e moderna sono come l’acqua e l’olio- lo sprezzo per i numeri e i fatti economici, il pretesto per disseminare commenti da bar per il disabile Schauble e la Kaiser culona. Gli ultras dell’ochì referendario si sono dimostrati abilissimi a paventare le terapie ma poco propensi ad impegnarsi in una diagnostica lucida dei problemi. Un po’ di chiarezza.
L’Europa così com’è è un mostro ibrido zeppo di malattie congenite che ha dimostrato oltremodo le ambiguità e la malafede sui cui si fonda. Dall’autunno del 2009, quando Papandreu disse al mondo che i greci truccavano i conti da trent’anni e il deficit superava il 15% del pil, ad oggi l’Europa ha percorso con folle convinzione la strada opposta a quella del buonsenso. Occorreva ristrutturare il debito e procedere in un concordato preventivo che permettesse tagli e dilazioni all’esposizione di allora (un terzo di quella odierna) e riportare il paese in bonis anziché condurre la nave nella tempesta di un fallimento irreversibile. Invece si è continuato a prestare danaro- in partite di giro ESM-Bce – ad un paese di 11 milioni di anime che ha l’economia siciliana, il malcostume calabrese e il welfare svedese, vessato dalla speculazione sui rendimenti dei titoli attuata dalle stesse banche tedesche e francesi, ora sole ed effettive creditrici. Lo spauracchio Troijka (l’Fmi è in ordine il quinto creditore e si sta dimostrando compiacente a un taglio netto stimolato da Washington impaurita di soluzioni eterodosse della vicenda) ha ipnotizzato l’opinione pubblica europea spostando il focus dell’attenzione dal reale quadro della situazione: la Grecia è un nonnulla economico che non ha mai avuto le credenziali per vivere in un sistema di mercato unico a moneta unica, amministrata per anni da delinquenti che la hanno depauperata offrendo il panem della spesa pubblica e del pubblico impiego ad un popolo pigro e godereccio che ha vissuto sopra le sue possibilità per decenni, successivamente attaccata dallo sciacallaggio finanziario degli speculatori, spinta per sopravvivere a ricorrere allo strozzinaggio di un’Europa/ Germania che ora, in preda ad una trance rigoristica è incapace, dolosamente, di vedere le prospettive a vent’anni e cioè di vedere pagare le colpe dei padri e degli usurai ad un’intera generazione di greci incolpevole.
Così l’Europa ha volutamente sconfessato ogni suo credo e ha riversato su un’intera nazione il gioco volumetrico della speculazione dei mercati- quantunque Mario Draghi abbia portato allo stremo le possibilità offertegli dagli angusti spazi dello statuto BCE- scoprendo le carte ed ammettendo la sua vera anima con una sentenza di condanna all’austerità perpetua.
La melassa buonista degli eurofili irriducibili deve ora interfacciarsi con una nuova e più matura forma di euro scetticismo, forte di argomentazioni inopinabili. La vera Europa, quella promessa come l’America, non si è fatta per preciso intento dei suoi architetti. Il trattato di Roma del 2004, iperbolicamente definito “Costituzione”, fu rispedito al mittente dai referendum francese e olandese, e la successiva frettolosa e inconsistente negoziazione di Lisbona ha lasciato un’Unione che null’altro è che una fabbrica di San Pietro fumosa e contraddittoria. Gli unici assetti definiti sono a totale appannaggio della macchina industriale tedesca per consolidare il ruolo del marco-dominus nella nuova veste di euro. Un’Europa colma di capetti e povera di padri nobili, accartocciata in un sistema di governance rarefatto. In ogni Stato membro si è aperta una discussione più ampia ed articolata sull’esistenza stessa dell’Unione. Si è coniato il termine Brexit per annunciare il prossimo referendum britannico sulla permanenza nell’Ue, la Finlandia è al settimo anno di recessione scalpita, la Danimarca ha virato verso destre nazionaliste, in autunno si vota in una Spagna affascinata da Podemos, la Polonia e la sua dinamica economia hanno frenato il processo di ingresso nell’eurozona. Come se non bastasse al coro anti Atene si è unito il partito dei neo-falchetti, ovvero sia quei paesi come Irlanda, Portogallo e statarelli dell’est che hanno obbedito all’austerity e ora rivendicano peso politico. Cosa avrebbero dovuto fare in questo scenario dantesco i principali attori non tedeschi?
Tsipras avrebbe dovuto avere la forza di andare oltre l’accordo con Putin, avrebbe potuto ad esempio, sfruttando anche la congiuntura del deal iraniano, corteggiare la sorniona Cina in realtà molto interessata a portare la sua ombra sul porto del Pireo. Solo così avrebbe trovato il passante vincente per strappare politicamente, oltre che economicamente, da Berlino e Bruxelles e fare andare su tutte le furie Obama, cosa parzialmente accaduta, e far diventare il caso ellenico una questione geopolitica di valenza mondiale.

 

Il premier greco ha preferito bluffare con l’intesa di Mosca e stuzzicare poco i creditori-ricattatori palesando limiti personali e ritrosie ideologiche troppo granitiche per consegnarlo alla storia. Ma i due principali falliti dell’intera vicenda sono François Hollande e Matteo Renzi, emanazione di due paesi codardi e miopi.
Il primo, con tutta probabilità il peggior capo di stato della storia francese repubblicana e non, se si votasse domani per l’Eliseo si piazzerebbe terzo dietro Marine Le Pen e il redivivo napoleonico Sarkò, ha perso l’opportunità di sferrare un colpo semi-mortale al Berliner consensus conducendo i giochi della trattativa e ha dimostrato definitivamente che l’asse franco-tedesco di matrice carolingia è solo una rubrica teorica perché tutte le decisioni fondamentali sono prese al Bundestag. Il secondo, uscito dal summit maratona con quell’aria da paninaro che racconta ai suoi amici le gesta della sera prima, ha confermato di essere il primattore di Firenze e la comparsetta di Bruxelles dopo la batosta sul caso migranti. Senso di smarrimento, inadeguatezza ed incompetenza lo hanno portato al capo chino su ogni questione rilegando ulteriormente l’Italia a quarto violino delle vicende europee. Avrebbero, i due, dovuto guidare il catamita greco e i terroni in genere contro il bullismo nordico, sfruttando pretestuosamente il caso greco per ridisegnare l’ingegneria costituzionale europea e rivedere i rapporti di forza. Entrambi, quindi, hanno ed avranno la colpa storica di non aver saputo sfruttare l’occasione di degermanizzare l’Europa, inanellando una serie di sconfitte politiche che non hanno fatto altro che rafforzare la leadership tedesca anziché indebolirla. Se si fossero fatti portavoce di proposte alternative serie per affrontare la “questione meridionale europea”, che vede protagonista anche Francia e Italia, come taglio del debito e protezione ipotecaria sulle richieste ad Atene, avrebbero potuto nel breve ritrattare il tetto al rapporto deficit-pil del 3% che è il principale motivo per cui i due paesi non possono abbattere la pressione fiscale e pianificare crescita. Si sono altresì accontentati di mostrare il fianco ancora una volta a questo progetto meschino di convivenza forzata, antropologica prima che politico-economica, invece di proporsi come guide di una nuova stagione costituente.

L’Europa, quella dei conti, ha vinto di nuovo ma inizia a vacillare.

L’Ucraina di nessuno

Sulle questioni che riguardano l’universo politico e geopolitico, in questo momento storico, la corruzione della verità non arriva più soltanto dai media classici e  più influenti, responsabili della comunicazione ma anche – e forse soprattutto – da aspiranti giornalisti, tuttologi e complottisti, che possiedono tali patenti per l’importanza che assumono mezzi di trasmissione dell’informazione non tradizionali, quali internet e social network. La chiarezza su qualsivoglia argomento può derivare soltanto da un approfondimento storico non di parte, che sappia risalire con precisione da quelle pendici fino alle vette del presente.

Per comprendere la guerra civile in corso nel Donbass, ovvero l’estremità orientale dello Stato ucraino, tra truppe filogovernative e ribelli filorussi, è necessario analizzarne le ragioni storiche, per evitare di semplificare lo scontro a semplice contrapposizione tra un Occidente ed un Oriente di cui a nostro avviso i confini non appaiono così definiti.

image

 

Voler relegare la Russia ad un ambito “orientale”, pur comprendendo la Federazione territori che vanno dal suo confine Occidentale con l’Ucraina, fino all’Alaska e al Giappone nelle sue estremità orientale ed essendo caratterizzata, quindi, da popolazioni e ceppi etnici variegati al suo interno, sarebbe un errore. Il territorio da cui nacque il primo stato russo nell’800, la Rus di Kiev, sulle sponde del Dnepr, abitato precedentemente da Sciti e Sarmati ( popolazioni nomadi di origine indoeuropea) e in età altomedioevale da slavi, finnici e variaghi (vichinghi) – questi ultimi insediati attraverso vie fluviali – , dimostra quanto etnicamente fosse inclusa in un ambito europeo la prima monarchia russa. E quanto artificiale possa essere la presunta divisione tra “ucraini europei” e “slavi russi”.

Una coscienza nazionale ucraina iniziò a svilupparsi dopo la formazione della Confederazione Polacco Lituana del 1569, con i territori meridionali di questa nuova formazione politica, corrispondenti all’attuale Ucraina, abitati da slavi ortodossi in contesto polacco. L’unione del Patriarcato di Kiev e di tutta la Russia alla Chiesa romana, del 1595-96, fu percepita da alcuni ortodossi come un contrasto alla propria autonomia e portò alla secessione di alcuni territori della confederazione, a maggioranza cosacca, che entrarono a far parte della Russia di Moscovia. Le spartizioni della Polonia nel ‘700 portarono ad una russificazione delle zone alla riva destra del Dnepr fino a Kiev e alla nascita, intorno al 1820, intorno a Kiev, dei primi tentativi di formazione di un’idea di nazione, per ora, tuttavia, solo a livello accademico. Inoltre, la Galizia orientale, passata all’Impero austriaco dopo la divisione della Polonia, era caratterizzata dalla paradossale situazione di una maggioranza di contadini ucraini sottomessi ad una minoranza polacca nobile. Questo portò ad un’incrinatura tra la Chiesa greco-cattolica e i polacchi, soprattutto dopo gli sconvolgimenti del 1848, quando si palesarono le divergenze tra gli ucraini, che rappresentavano la maggior parte dei fedeli in quella zona, e la minoranza polacca.

Nel periodo sovietico l’Ucraina – Repubblica Socialista Sovietica dal 1922 – vide attuata nei suoi confronti una duplice strategia da parte di Mosca: da una parte si favorì la creazione della nazione che costituiva la naturale estensione verso occidente dell’Unione Sovietica. Dall’altra, al contrario, si ostacolò l’indigenizzazione nel periodo in cui si collettivizzavano le campagne e se nedeportavano brutalmente i proprietari agricoli. Si stima che la carestia del 1932-33 abbia portato tre milioni e mezzo di morti nelle campagne ucraine. Il sentimento nazionale, tuttavia, in questi primi anni ’30, continuava a svilupparsi in Galizia, ancora sotto il dominio della Polonia e nella quale si riproponeva il già citato conflitto tra le élites polacche e la maggioranza della popolazione ucraina.

Il Donbass, sede del recente conflitto, rappresentava dall’800 l’enclave operaia ucraina. Zona mineraria, nel ‘700 vi entrarono in funzione le prime miniere di carbone, di cui il sottosuolo dell’Est ucraino è particolarmente ricco, affiancate da impianti di produzione di metallo. Nell’800 Alessandro II sancì l’abolizione della servitù della gleba in Russia, che permise  agli operai russi di recarsi nel Donbass per cercare fortuna e lavoro. Si rese disponibile, in questo modo, una quantità sufficiente di manodopera per ottimizzare la produzione in quest’area. Il Donbass sarebbe divenuto ,in seguito, un modello valoriale di riferimento per tutta l’Unione Sovietica, attraverso l’universo semantico dell’instancabile e sudato operaio stacanovista, in questo caso minatore.

In sintesi, quindi, la russificazione della regione e conseguentemente dell’Ucraina, se fu favorita anche dall’entrata del Donbass nei territori dell’allora Repubblica Popolare di Ucraina nel 1918 per volere di Lenin e da decisioni di Stalin, che impedirono (solo in parte) la fuga di ucraini dalle campagne nel tempo della carestia del ’32 verso il Donbass stesso, trova le sue radici sociali nelle braccia, nel vigore e nelle famiglie dei primi volenterosi operai russi giunti in questo luogo nell’800.

Prima della reazione a catena scatenata dagli eventi di piazza Majdan nel dicembre 2013, con la conseguente destituzione del Presidente Yanukovyc non c’erano mai stai contrasti degni di nota tra ucraini e russi nel Donbass. La convivenza, facilitata dallo stesso retroterra culturale e dalla stessa etnia di appartenenza, non aveva mai dato segni di instabilità. “Euromajdan” doveva essere, nelle intenzioni dei suoi – manifesti ed occulti – promotori, una nuova alba per un’Ucraina che si sarebbe ora voluta definitivamente sganciata dagli interessi degli oligarchi e di Mosca, trasformata nuovamente, quest’ultima, nello spauracchio del mostro imperialista sovietico.

Oggi siiamo di fronte, al contrario, ad uno Stato diviso e in guerra, privo della legittimità del governo sui territori orientali, lacerato da un esodo di 1 milione di individui verso la Russia e che vede i suoi fratelli, ogni giorno, uccidersi senza pietà e memoria del passato. Inoltre, il nuovo Presidente Poroshenko, capitalista e imprenditore miliardario e il nuovo primo ministro Yatsenyuk, ex Presidente della Banca Nazionale Ucraina e prediletto dagli ambienti americani, non rappresentano esattamente i tribuni popolari che quella piazza di “tutte le genti d’Ucraina”sembrava volesse portare al potere. Palazzi in fiamme bersagliati da molotov, donne incinte sgozzate su scrivanie, morti carbonizzati abbandonati nelle strade, scuole bombardate e mutilazioni di ogni tipo non erano di casa dalle parti di Donetsk e Odessa. E per chi volesse insistere sull’opportunismo di Vladimir Putin nel difendere questi territori per ragioni imperialistiche, quindi nel senso di un’ appropriazione di risorse, ricordiamo che ne è stata garantita l’autonomia nonostante rappresenti, rispetto alla Crimea – riassorbita dalla Federazione Russa ma che basa la propria economia esclusivamente sull’agricoltura, la pesca e il turismo – un bacino minerario immensamente più redditizio e ricco di materie prime esportabili.   L’Europa vuole l’Ucraina con sé e non vede i massacri dei militanti dell’ucraino Battaglione d’Azov nell’Est, che ora vede rappresentato i in Parlamento il suo comandante Adriy Biletsky, dopo le elezioni dell’ottobre 2014. George Soros incoraggia i giovani ucraini nella loro battaglia per la libertà e finge di non vedere le milizie ultranazionaliste che marciano per Kiev con simpatiche simbologie runiche, quando questo, se fosse successo in qualsiasi altro paese europeo, sarebbe stato condannato aspramente da tutti i media occidentali e bollato come tentativo di ricostituzione del Terzo Reich.

Prescindendo da qualsiasi tipo di logica complottistica e basandoci esclusivamente su conoscenze oggettive, possiamo affermare che, nonostante il coraggio non indifferente mostrato da chi in piazza, a Kiev, credeva con cuore puro nella possibilità di un ritorno dell’Ucraina agli ucraini – dimenticando, tuttavia, gli ampi sconti finanziari e la clemenza sul pagamento degli arretrati nell’ambito dell’importazione di gas dalla “perfida Russia”- la questione ucraina ha servito interessi più grandi ma del tutto diversi da quelli della nazione. In primis, attraverso Kiev, si è voluto rompere l’asse Mosca- Berlino e quindi Mosca-Pechino-Berlino, ma soprattutto Europa- Federazione Russa, che costituivano un volano economico e sociale per le economie di queste ultime. Con le sanzioni comminate alla Federazione Russia del 2014, l’Italia, ad esempio, ha visto notevolmente ridotto l’export agroalimentare verso Mosca, con conseguenti perdite economiche e ricadute non indifferenti sul piano imprenditoriale e occupazionale.

La messa in scena, poi, a seconda di come è costruita, può trarre chi la osserva in inganno se ogni volta diversi sono i suoi osservatori o se cambia nel tempo la strategia attraverso la quale si costruisce la farsa. I personaggi coinvolti negli sconvolgimenti dell’Ucraina di oggi  sono gli stessi che presero parte al corso di eventi della cosiddetta “rivoluzione arancione” del 2004. Con quest’ultima, Viktor Yushenko riuscì a ribaltare il risultato elettorale delle urne, che dava vincitore il suo antagonista Viktor Yanukovich. Fu sostenuto, in questa sua trama, da manifestazioni di piazza continue, da Julia Timoshenko, da George Soros e, guarda caso, proprio dall’odierno Presidente dell’Ucraina Poroshenko, che organizzò la campagna mediatica sulla sua rete televisiva “Canale 5”. Washington ha investito in Ucraina 5 miliardi di dollari dalla fine della guerra fredda. Nonostante l’esasperazione nei confronti di Yanukovich da parte del popolo ucraino fosse consolidata, all’epilogo della sua presidenza hanno contribuito indubbiamente alcuni fattori esterni. Tra di essi spiccano infiltrazioni e conoscenze americane indirette all’interno della polizia e dell’intelligence ucraina, pressione sull’opposizione al governo e su oligarchi vari, 300.000 razioni militari finite sul mercato nero e l’immancabile Open Society di George Soros. Chiude il cerchio la visita, definita di “urgente necessità”, del capo della CIA John Brennan a Kiev, nell’aprile del 2014, in concomitanza con l’apertura delle ostilità delle forze militari ucraine contro i ribelli separatisti del Donbass.

In conclusione, tuttavia, una domanda sorge spontanea: come può l’Occidente americano ed europeo contestare la legittimità della pretesa della Federazione Russa di difendere le prerogative dei suoi compatrioti nel Donbass ed emettere sanzioni nei confronti di Mosca, in nome della sempre ostentata democrazia e sovranità dei popoli, di fronte ad un Presidente, Vladimir Putin, che gode dell’88 % dei consensi dei propri cittadini? Quale Presidente o capo di governo europeo o americano beneficia di un indice così alto di gradimento?

Dissociandoci da quegli strateghi militari da tastiera, i quali sembrano provar piacere nel contemplare la guerra fratricida che si svolge in territorio ucraino, auguriamo al popolo del Donbasse dell’Ucraina tutta un’immediata pacificazione del conflitto in corso e la ricostituzione definitiva del proprio tessuto sociale, augurandogli di non scambiare mai più un nuovo carceriere per un presunto liberatore.

 

Rimpasto del Governo Francese: il no alle politiche anti-austerity di Montebourg

Poche vacanze, per la politica europea e mondiale, nell’estate 2014. La crisi ucraina, la guerra apparentemente priva di epilogo tra Israele e Palestina e le riforme promesse dal governo Renzi in Italia sono stati certamente tra gli argomenti più “caldi” di quest’estate.Ad aggiungersi a una serie di rivoluzioni e sconvolgimenti politici, è giunta il 25 agosto la notizia delle dimissioni di Manuel Valls, Primo Ministro francese.Alla base delle dimissioni, secondo quanto riportato da Le Parisien, sarebbe stato un aspro conflitto tra Valls e Arnauld Montebourg, ormai ex ministro dell’Economia in Francia.

Al centro del mirino sarebbero le accuse rivolte da Montebourg alla Banca Centrale Europea, rea di non essere in grado d’incoraggiare e supportare i Paesi che sono riusciti a iniziare una crescita dopo la crisi che ha colpito l’Europa. Pare, tuttavia, che ad aver scatenato le ire di Valls siano state le ancor più dure critiche volte da Montebourg ad Angela Merkel e alla destra tedesca, alle cui ideologie, come ha sottolineato l’ex ministro, la Francia non intende assoggettarsi.Durante l’intervista-attacco alla BCE e alla destra tedesca pubblicata su Le Monde, nell’enfatizzare la necessità di nuove politiche economiche per la Francia, Montebourg ha dichiarato che l’Europa dovrebbe seguire l’esempio di Matteo Renzi. Tale affermazione sarà di certo assai poco consolatoria per la Francia, ma è altrettanto lusinghiera per l’Italia, vista dopo decenni come un Paese i cui provvedimenti sono finalmente degni di emulazione.

 A seguito delle dimissioni del Primo Ministro e dell’irrecuperabile scontro con Montebourg, il Presidente francese Francois Hollande ha immediatamente incaricato Valls di formare un nuovo governo che, come dichiarato ufficialmente dall’Eliseo, sarà “coerente con gli orientamenti già definiti per la Francia”. In questo modo, Hollande ha chiarito che la linea anti-austerity agognata dall’ex Ministro dell’Economia non sarà perseguita.

Mentre Segolene Royal, Fabius e Sapin sono stati confermati rispettivamente con gli incarichi di Ministro dell’Ecologia ed Energia, Ministro degli Esteri e Ministro delle Finanze, l’ex ministro della Cultura Aurelie Filippetti è stato sostituito da Pellerin, ex sottosegretario al Commercio estero. La Filippetti, in una lettera indirizzata a Valls e Hollande, ha dichiarato di ascoltare la disperazione di coloro che ancora credono nella sinistra francese e di non accettare il rimpasto, per rispetto a questi elettori.Neppure a Benoit Hamon, ex ministro dell’Educazione e fervido sostenitore di Montebourg, è stato confermato l’incarico.A occupare il posto di Montebourg, probabilmente il più cardinale in questa fase della politica francese, è l’ex banchiere trentaseienne Emmanuel Macron, ex consigliere di Hollande per la politica economica.

Con un numero pari di uomini e donne (otto e otto), il nuovo governo Valls si pone come sostenitore delle pari opportunità; la scelta di sostituire Montebourg con un ex banchiere indica inoltre una svolta più liberista per la Francia, la cui sinistra appare notevolmente indebolita e la cui dipendenza dalla Germania della Merkel sembra sempre crescente.

Polinice intervista l’Ambasciatore di Francia S.E. Alain Le Roy

IMG-20140404-WA002Nelle scorse settimane abbiamo avuto il privilegio di incontrare S.E. Alain Le Roy, Ambasciatore di Francia in Italia. Diplomatico di raffinata esperienza, già vice Segretario generale presso le Nazioni Unite, ha ricoperto nel corso della sua lunga carriera diplomatica numerosi incarichi di rilievo internazionale.

Polinice lo ha intervistato per voi, sottoponendogli alcuni temi di pressante attualità: sviluppo futuro del progetto Europa, ruolo di Italia e Francia nell’ambito dell’Unione, rapporti culturali che legano i due paesi, la sua visione dei recenti conflitti sullo scacchiere internazionale.

D: Ambasciatore S.E. Alain Le Roy, la storia, la geografia e le molteplici origini comuni da sempre legano Francia ed Italia. A che punto ritiene sia arrivato il cammino di questi due popoli assieme e quanto, vista la presenza nel Mar Mediterraneo, essi potranno continuare a segnare il passo dell’Europa che verrà?

R: È evidente che sia la storia che la geografia uniscono i due paesi, e i due paesi dal primo giorno erano fondatori dell’UE. Ora, sia Francia che Italia sono un motore molto importante per l’UE. È chiaro che la Germania attualmente è molto potente in Europa grazie alla sua economia, quindi è ancora più importante unire Francia e Italia, perché oltre alla stessa storia abbiamo anche gli stessi problemi. I due popoli ovviamente si intendono e le lingue sono prossime: ma ciò che è più importante è che in Europa le posizioni di Francia ed Italia sono molto simili. Quando i premier delle due nazioni si incontrano c’è un’intesa evidente su tutti i temi: i due paesi da una parte oggi hanno un gran problema con la disoccupazione giovanile e con un debito pubblico troppo alto; ma dall’altra, allo stesso tempo, hanno un’industria molto forte. E ci sono tanti investimenti francesi in Italia e viceversa. Anche nel caso di imprese franco-italiane la sinergia è forte perché siamo complementari: la Francia è più cartesiana, più riflessiva, mentre l’Italia è più pratica. Ci sono tanti esempi di queste imprese franco-italiane che funzionano bene, non solo nel campo del lusso. E dunque, adesso, per il futuro dell’Europa sarà molto importante durante la campagna per le elezioni al parlamento europeo che i discorsi delle autorità italiane e francesi siano vicini. Penso che i due governi avranno delle posizioni molto vicine.

D: Nel 1950 Robert Schuman, su ispirazione anche di Jean Monnet, presentò la sua proposta di porre le basi per la creazione graduale di una federazione europea, indispensabile per il mantenimento di pacifiche relazioni nel futuro dell’Europa. Da quel disegno è nato il sogno di un’Europa unita. Eppure, ad oggi, nonostante una sempre più stretta vicinanza dei popoli europei, in molti paesi cresce la diffidenza verso l’Unione. Dove ritiene giusto intervenire e quali sono gli errori da non commettere in futuro?

R: Renzi ha detto che c’è uno spread tra le attese dei cittadini italiani e le risposte dell’Europa: questo è molto vero. L’Europa negli ultimi anni è stata lontana dai cittadini, quindi ora le elezioni sono importanti per riavvicinarli ed ascoltare le loro istanze. E su questo punto credo che ancora una volta Francia ed Italia abbiano una stessa visione del futuro dell’Europa. Entrambi i paesi dicono che la soluzione non è meno Europa: sappiamo che in Italia sia i partiti di centro destra che quelli di centro sinistra sono per un’Europa federale in forma di “Stati Uniti dell’Europa”. In Francia non la si pensa così: la Francia ha una visione un po’ meno federalista dell’Europa, ma le due posizioni sono conciliabili perché la Francia è per una maggiore integrazione. Dal 2008 l’UE ha fatto molte cose, tra cui l’unione bancaria, in favore delle quali la Francia ha accettato di limitare la propria sovranità in favore di una maggiore integrazione europea. Bisogna dire comunque che i due paesi ritengono che l’UE debba fare di più, di più per la crescita, di più per sviluppare un programma per i giovani europei.

D: Le cessioni di “Sovranità Nazionale”, monetaria-bancaria e agricola, sono state concesse dai popoli europei a Bruxelles affinchè si costruisse attraverso l’Unione Europea un futuro migliore. Eppure, in molti vedono in questa poca presenza dei governi nazionali e delle assemblee elettive il punto debole dell’attuale architettura dell’Unione Europea. Bruxelles appare come il luogo della burocrazia e delle lobby e non la casa comune di ogni paese europeo. Cosa auspicherebbe per invertire questa tendenza?

R: Per la Francia è evidente che l’UE abbia problemi e che i cittadini europei non siano contenti. La soluzione non è meno Europa, e neanche uscire dall’euro. Questa sarebbe una follia: i prezzi della benzina salirebbero e il debito sarebbe più difficile da rimborsare. Allo stesso tempo bisogna cambiare l’Europa. Lei ha toccato la questione del ruolo tra il Parlamento e il Consiglio europeo. Con il Trattato di Lisbona il ruolo del Parlamento europeo è diventato più forte, ma allo stesso tempo è il Consiglio europeo a dare l’impulso politico all’Unione europea. Per l’elezione del Presidente della Commissione sarà necessario un dialogo tra Consiglio europeo e Parlamento. Poi, quale sarà l’equilibrio tra cinque o dieci anni non si sa, ma secondo me è un’esperienza di democrazia quella di trovare un equilibrio. D’altronde la democrazia europea è giovane, ha solo cinquant’anni, e per me è un’esperienza democratica vera.

D: Le recenti crisi internazionali, quali Libia, Siria e Ucraina hanno visto un’Unione Europea debole. In molti casi non vi è stata un’azione comune poiche l’UE è stata divisa da singoli interessi di ogni membro e da alleati extraeuropei. A che punto è l’attuale costruzione di una politica estera comune?

R: È evidente che una posizione comune al momento non è raggiungibile in ogni caso, ma alcuni progressi sono stati fatti in tale direzione. Vorrei addurre qualche esempio, il primo inerente la crisi nei Balcani. Nel 1992 tutta l’Europa era divisa sulla questione dell’indipendenza della Slovenia dalla Croazia: da qui la guerra nei Balcani, culminata nel 1995 con la strage di Sarajevo. In seguito, con il Trattato di Maastricht del 1992 e il successivo Trattato di Amsterdam, la politica europea è risultata essere più coesa, con la creazione di un Alto rappresentante per la politica estera. E nei Balcani è cambiato tutto: dopo il 1995 l’Europa è diventata molto più unita. Nel caso del Kosovo, l’Europa per la crisi del 1999 era unita e ha avuto un’influenza molto importante. Altrettanto è accaduto per la Macedonia. Quindi quando l’Europa è stata unita, è riuscita a realizzare importanti risultati positivi, quando non lo è stata, il risultato è stato quello dei Balcani del 1992. Anche nel caso della Libia l’Europa era unita: la sua impotenza dunque non derivava da una divisione ma dalle difficoltà del caso. In merito alla Siria, gli Stati membri non avevano la stessa visione sulla risposta all’uso delle armi chimiche da parte di Bachar El Assad, ma dopo, quando si è trovata una soluzione per farle ritirare, la posizione europea era comune. Anche per quanto riguarda l’Ucraina l’Europa è unita: anche qui con un po’ di difficoltà a far valere le sue posizioni, è vero, perché non vogliamo inviare soldati e risolvere la questione con le armi. Momento emblematico di questo processo di coesione europea sono le manifestazioni e le proteste dei cittadini ucraini a piazza Maidan a Kiev, i quali rischiando la vita rivendicano la loro volontà di avvicinarsi all’Europa. Ecco, quando sento dire che l’Europa non fa più sognare, penso a quei giovani che rischiano la propria vita credendo nel sogno europeo.

D: Ricollegandomi al discorso da lei fatto sul Kosovo e sull’Ucraina, volevo chiederle che cosa pensa dell’autodeterminazione dei popoli. Un popolo può decidere a quale nazione appartenere?

R: La Russia ha usato questo argomento per legittimare il proprio operato. Ma ciò che è stato possibile per il Kosovo non lo è ora per la Crimea. C’è una grandissima differenza: la prima è che nel Kosovo la gran parte popolazione albanese era veramente oppressa e priva di diritti. Invece, nessuno può dire oggi che la popolazione della Crimea sia oppressa dall’Ucraina. In tal caso infatti non sussiste nessuno pericolo per la popolazione. [GM1]

D: Col Kosovo però è stato creato una sorte di precedente giuridico, perché lì la minoranza serba e la missione militare italiana, tuttora presente, sono a difesa di monasteri e piccole enclavi serbe che al momento sono oppresse. E quindi i russi dicono, perché lì si è permessa l’autodeterminazione e a noi, nel caso della Crimea, no?

R: È vero che in Kosovo la situazione al momento non è perfetta, e la comunità internazionale e la missione italiana svolgono ancora un ruolo di protezione. Bisogna tuttavia riflettere sul motivo per cui c’è stato l’intervento della comunità internazionale: in Kosovo tanti cittadini erano oppressi ed in pericolo di vita, cosa che non accade invece in Crimea.

D: Appunto per questo, l’UE con la crisi in Ucraina da un lato ha dimostrato una politica comune, ferma in suo supporto, dall’altro appare schiacciata come prima del 1989 tra gli USA e la loro politica e la dipendenza economica ed energetica dalla Russia. Come si può trovare una posizione comune che faccia avere un ruolo dominante all’UE e non faccia galleggiare tra una posizione e l’altra? 

R: È esattamente il ruolo del Consiglio europeo, quello di mettere in conto tutte le posizioni diverse. È vero che la dipendenza della Francia dalla Russia nel settore energetico è minore dal momento che abbiamo il nucleare, cosa che invece è differente per l’Italia ed altre realtà statali. Ma il Consiglio europeo deve trovare un buon equilibrio, indicando come via preferibile quella del dialogo con Mosca, prendendo in conto i vari interessi degli stati europei. È evidente che non è facile: ma come nel caso di Israele, sul quale ci sono posizioni diverse, spetta al Consiglio europeo contemperare i vari interessi con un’opera di arbitraggio.

D: Francia e Roma, un rapporto secolare che sembra destinato a non interrompersi mai. Dalle attività culturali dell’Ambasciata passando per il ruolo dell’Accademia di Francia Villa Medici, l’École française de Rome ed il Centre Saint Louis questo legame sembra indissolubile. E’ fiero di rappresentare una nazione cardine nel pensiero e nella vita della città eterna? Secondo lei cos’è che lega Parigi a Roma in questa maniera?

R: Per prima cosa, come lei sa, Roma ha tante relazioni con tante altre città del mondo ma ha solo un gemellaggio, quello con Parigi, e viceversa, Parigi è gemellata solo con Roma. Mi piace molto l’espressione: “Solo Roma è degna di Parigi, e solo Parigi è degna di Roma”. Perché questo gemellaggio fonda tutto? I due paesi hanno storie di rapporti da secoli e c’è una volontà di lavorare insieme. L’attività culturale è un bellissimo esempio di questo. L’istituto culturale italiano a Parigi è molto attivo perché c’è una domanda della Francia e di Parigi di sapere di più della cultura italiana: cinematografica degli anni ’60-’70, ma anche della letteraria. E questo vale naturalmente anche per il teatro, per la danza, per l’arte in tutte le sue forme: c’è una domanda reciproca.

D: Come pensa che sia stata gestita dall’Italia la questione diplomatica dei marò in India?

R: So che è molto complicato, non vorrei commentare perché è un discorso  di competenza delle autorità italiane. Una cosa è certa: sono più di due anni che i marò sono in prigione e l’Europa deve necessariamente aiutare l’Italia a trovare una soluzione.

 

Ringraziamo S.E. l’Ambasciatore Alain Le Roy per la cortese ospitalità riservata alla redazione di Polinice.

 

A cura di Antoniomaria NapoliMatteo Santamaria, Niccolò Antongiulio Romano per AltriPoli


 [GM1]

1. Sulle operazioni di peace-keeping delle Nazioni Unite la bibliografia è vastissima. Nella letteratura più recente cfr., tra gli altri, Le développement du rôle du Conseil de Sécurité: peace-keeping and peace-building (Colloque de l’Académie de Droit International de La Haye), a cura di Dupuy (R.-J.), Dordrecht, 1993; New Dimensions of Peace-Keeping, a cura di Warner, Dordrecht-Boston-London, 1995; Ratner, The New UN Peacekeeping: Building Peace in Lands of Conflict After the Cold War, New York, 1995; Nazioni Unite, The Blue Helmets. A Review of United Nations Peace-Keeping, New York, 1996; Picone, Il peace-keeping nel mondo attuale: tra militarizzazione e amministrazione fiduciaria, in RDI, 1996, 5 ss.; Pineschi, Le operazioni delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace, Padova, 1998; Cellamare, Le operazioni di peace-keeping multifunzionali, Torino, 1999; Gargiulo, Le Peace Keeping Operations delle Nazioni Unite. Contributo allo studio delle missioni di osservatori e delle forze militari per il mantenimento della pace, Napoli, 2000.

. Per un’analisi di alcuni fra i più importanti interventi delle Nazioni Unite, rientranti tanto nel modello qui considerato che nei modelli considerati di seguito nel testo, si vedano i saggi contenuti nel volume Interventi delle Nazioni Unite e diritto internazionale, a cura di Picone, Padova, 1995.

. Su questo tipo di interventi delle Nazioni Unite si vedano, oltre alle opere citate nelle due note precedenti, Corten e Klein, Action Humanitaire et Chapitre VII: la redéfinition du mandat et des moyens d’action des forces des Nations Unies, in AFDI, 1995, 105 ss.; Fink, From Peacekeeping to Peace-Enforcement: The Blurring of the Mandate for the Use of Force in Maintaining International Peace and Security, in Maryland JIL Trade, 1995, 1 ss.; Marchisio, The Use of Force by Peace-keeping Forces for the Implementation of Their Mandate: Recent Cases and New Problems, in Italian and German Participation in Peace-keeping: From Dual Approaches to Co-operation, a cura di De Guttry, Pisa, 1997, 75 ss.; Lattanzi, Assistenza umanitaria e intervento d’umanità, Torino, 1997, 56-67. Vedi anche Magagni, L’adozione di misure coercitive a tutela dei diritti umani nella prassi del Consiglio di Sicurezza, in CS, 1997, 655 ss.. Sull’uso della forza armata autorizzato dal Consiglio di Sicurezza si vedano, tra gli altri, Freudenschuss, Between Unilateralism and Collective Security: Authorizations of the Use of Force by the UN Security Council, in EJIL, 1994, 492 ss.; Gaja, Use of Force Made or Authorized by the United Nations, in The United Nations at Age Fifty, a cura di Tomuschat, Dordrecht, 1995, 39 ss.; Lattanzi, op. cit., 71 ss.; Österdahl, By All Means, Intervene! (The Security Council and the Use of Force under Chapter VII of the UN Charter in Iraq, in Bosnia, Somalia, Rwanda and Haiti), in Nordic JIL, 1997, 241 ss.; Sarooshi, The United Nations and the Development of Collective Security. The Delegation by the Un Security Council of its Chapter VII Powers, Oxford, 1999.

 Per questo tipo di interpretazione dei poteri spettanti al Consiglio di Sicurezza in base al Capitolo VII della Carta vedi soprattutto Arangio-Ruiz, On the Security Council’s ‘Law Making’, in RDI, 2000, 609 ss. e Cannizzaro – Diritto Internazionale 2012 Capitolo 1, 34 ss.

9. Per una valutazione della prassi rilevante in questo contesto si vedano, tra gli altri, Ronzitti, Uso della forza e intervento di umanità, in NATO, conflitto in Kosovo e Costituzione italiana, a cura di Ronzitti, Milano, 2000, 1 ss. e Lattanzi, op. cit., 68 ss.

 Per una ricostruzione dei fatti rilevanti della crisi del Kosovo e dell’intervento dei Paesi della NATO, si veda Pretelli, La crisi del Kosovo e l’intervento della Nato, in Studi Urbinati, 1999/2000, pp.295 ss. Per un’accurata raccolta della documentazione rilevante si veda il volume L’intervento in Kosovo – Aspetti internazionalistici e interni, a cura di Sciso, Milano, 2001, 189 ss.

 Sui dati e sulla situazione relativi agli esodi di massa verificatisi durante la crisi del Kosovo cfr. Lo Savio, Esodi di massa e assistenza umanitaria nella crisi del Kosovo, in L’intervento in Kosovo, cit., 99 ss.

 Sulla valutazione dell’intervento in Kosovo dal punto di vista del diritto internazionale la bibliografia è molto nutrita. Tra gli autori che, con argomentazioni differenti, si sono pronunciati a favore della legittimità dell’intervento – o comunque di una sua qualche giustificazione giuridica – ricordiamo: Balanzino, NATO’s Actions to Uphold Human Rights and Democratic Values in Kosovo: A Test Case for a New Alliance, in Fordham ILJ, 1999, 364 ss.; Bermejo Gracía, Cuestiones actuales referentes al uso de la fuerza en el derecho internacionál, in An. Der. Int., 1999, 3-70; Zanghì, Il Kosovo fra Nazioni Unite e diritto internazionale, in I diritti dell’uomo – cronache e battaglie, 1998, n. 3, 57 ss.; Henkin, Kosovo and the Law of ‘Humanitarian Intervention”, in AJIL, 1999, 824 ss.; Reisman, Kosovo’s Antinomies, ibid., 1999, 860 ss.; Wedgwood, Nato’s Campaign in Yugoslavia, ibid., 1999, 828 ss.; Frank, Lessons of Kosovo, ibid., 858; Vigliar, La crisi dei Balcani nell’odierno ordine europeo ed internazionale, in questa Rivista, 1999, 13-28; Ipsen, Der Kosovo-Einsatz – Illegal? Gerechtfertig? Entschuldbar?, in Der Kosovo Krieg, Rechtliche und rectsethische aspekte, a cura di Lutz, Baden Baden, 1999-2000, 101 ss.; Delbrück, Effektivität des UN-Gewaltverbots, ibid., 11 ss.; Tomuschat, Völkerrechtliche Aspekte des Kosovo-Konflikts, ibid., 31 ss.; Condorelli, La risoluzione 1244(1999) del Consiglio di Sicurezza e l’intervento NATO contro la Repubblica Federale di Iugoslavia, in NATO, conflitto in Kosovo e Costituzione italiana, a cura di Ronzitti, Milano, 2000, 31 ss.; Leanza, Diritto internazionale e interventi umanitari, in Rivista della cooperazione giuridica internazionale, dicembre 2000, 9 ss.;Momtaz, L’intervention d’humanité de l’OTAN au Kosovo et la règle du non-recours à la force, in RICR, 2000, 89 ss.; Sofaer, International Law and Kosovo, in Stanford JIL, 2000, 1 ss.; Weckel, L’emploi de la force contre la Yougoslavie ou la Charte fissurée, in RGDI.P, 2000, 19 ss.Tra gli autori che invece hanno valutato, pur con argomentazioni diverse, come “irrimediabilmente” contraria al diritto internazionale l’azione della NATO, ricordiamo: Bernardini, Jugoslavia: una guerra contro i popoli e contro il diritto, in I diritti dell’uomo – cronache e battaglie, 1998, n. 3, 33-40; Saulle, Il Kosovo e il diritto internazionale, ibid., 53-54; Charney, Anticipatory Humanitarian Intervention in Kosovo, in AJIL, 1999, 834-841; Falk, Kosovo, World Order, and the Future of International Law, ibid., 847-857; Ferraris, La NATO, l’Europa e la guerra del Kosovo, in Aff. Est., 1999, 492-507; Cassese, Ex iniuria ius oritur: Are We Moving towards International Legitimation of Forcible Humanitarian Countermeasures in the World Community?, in EJIL, 1999, 23-30, e A Follow-Up: Forcible Humanitarian Countermeasures and Opinio Necessitatis”, ibid., 1999, 791-799; Krisch, Unilateral Enforcement of Collective Will: Kosovo, Iraq and the Security Council, in Max Planck YUNL, 1999, 59 ss.;Nolte, Kosovo und Konstitutionalisierung: Zur humanitären Intervention der NATO-Staaten, in ZaöRV, 1999, 941-960; Starace, L’azione militare della NATO contro la Iugoslavia secondo il diritto internazionale, in Filosofia dei diritti umani, 1999, paragrafi 4-6;Villani, La guerra del Kosovo: una guerra umanitaria o un crimine internazionale?, in Volontari e terzo mondo, 1999, n. 1-2, 26 ss.; Kühne, Humanitäre NATO-Einsätze ohne Mandat?, in Der Kosovo Krieg, cit., 73-99; Lutz, Wohin treibt (uns) die NATO?, ibid., 111-128; Preuß, Zwischen Legalität und Gerechtigkeit, ibid., 37-51; Weber, Die NATO-Aktion war unzulässig, ibid., 65-71; Mégevand Roggo, After the Kosovo conflict, a genuine humanitarian space: A utopian concept or an essential requirement?, in RICR, 2000, 31-47; Picone, La ‘guerra del Kosovo’ e il diritto internazionale generale, in RDI, 2000, 309-360; Ronzitti, Uso della forza e intervento di umanità, in NATO, conflitto in Kosovo, cit., 1-29; Thürer, Der Kosovo-Konflikt im Lichte des Völkerrechts: von drei – echten und schinbaren Dilemmata, in AVR, 2000, 1-22; Marchisio, L’intervento in Kosovo e la teoria dei due cerchi, in L’intervento in Kosovo, cit., 21 ss.; Sciso, L’intervento in Kosovo: l’improbabile passaggio dal principio del divieto a quello dell’uso della forza armata, ibid., 47 ss.; Joyner, The Kosovo Intervention: Legal Analysis and a More Persuasive Paradigm, in EJIL, 2002, 597-619. Più ambigua la posizione di Simma, (NATO, the UN and the Use of Force: Legal Aspects, in EJIL, 1999, 1-22), il quale pur riconoscendo la contrarietà alla Carta delle Nazioni Unite della minaccia (poi effettivamente attuata) della violenza armata da parte della NATO, arriva tuttavia a giustificarla quale eventualità del tutto eccezionale, quale ultima ratio per fronteggiare la drammatica situazione del Kosovo, non idonea pertanto a costituire sul piano giuridico un valido precedente.

Elezioni Europee e Sinistra radicale: una nuova rinascita, dopo la crisi?

Secondo le statistiche di Pollwatch 2014, le ormai prossime elezioni europee vedranno una sfida all’ultimo seggio tra Popolari e Socialisti, rispettivamente accreditati di 213 e 208 seggi. Vi è meno certezza, invece, su quale gruppo rappresenterà la terza coalizione più grande nel Parlamento Europeo. Nonostante la destra euroscettica abbia assunto un considerevole rilievo in vari Paesi Europei nei mesi precedenti alle elezioni, le possibilità del gruppo Europe of Freedom and Democracy (Efd, del quale fanno parte Front National e Lega Nord) di aggiudicarsi il terzo posto in Parlamento appaiono ormai assai remote. Infatti, spaccature interne continuano a dilaniare il fronte euroscettico e molti partiti, tra i quali il Movimento 5 Stelle non hanno ancora finalizzato la propria adesione al gruppo Efd. A competere per il podio, dunque, saranno principalmente tre gruppi: Alliance of European Conservatives and Reformists (AECR), i liberali e la sinistra radicale.

Per quanto concerne la sinistra radicale, che ha ottenuto risultati soddisfacenti in Germania, dove è molto forte nella parte orientale del Paese, e in Spagna, la performance più eclatante del gruppo ha avuto luogo in Grecia. In Grecia, infatti, Alexis Tsipras e la sua formazione neocomunista sono in testa ai sondaggi con il 25,5% dei voti, seguiti dalla coalizione di centrodestra New Democracy (23,3%) e, sorprendentemente, dal gruppo neonazista Golden Dawn, che ha ottenuto il 10,3% delle preferenze. Il boom della sinistra di Tsipras è interessante per due ragioni. Innanzitutto, con la Lista Tsipras, la sinistra radicale è tornata a imporsi sul panorama europeo e a coinvolgere le masse; inoltre, questo cambiamento è rappresentato da una figura giovane ed emergente come Tsipras, abile dunque nel conquistare le preferenze dei giovani.

Il successo a livello internazionale di Tsipras è dimostrato dal fatto che la sua formazione sia presente anche in Italia, con la lista L’Altra Europa con Tsipras, alla quale ha aderito Sinistra e Libertà. Poiché la sinistra radicale sta ottenendo consensi anche in Repubblica Ceca, Portogallo e Cipro, è possibile notare che, a eccezione del caso della Germania, sembra esistere una correlazione tra i Paesi più propensi a votare la sinistra e quelli fortemente colpiti dalla crisi economica. Infatti, come dimostra il boom di Tsipras in Grecia, i cittadini europei sembrano associare la sinistra con l’idea di nuove opportunità, in contrasto con l’austerity del centrodestra.Ecco perché, a essere favorito insieme a Tsipras per la Presidenza della Commissione Europea è soprattutto Martin Schulz, attuale presidente del Parlamento Europeo, che propone una politica di crescita e integrazione tra i Membri dell’UE, al fine di superare l’austerity degli ultimi anni.

Tuttavia, vi sono Stati in cui la presenza della sinistra radicale non e’ forte quanto in Grecia o in Germania, come la Francia, dove a dominare le statistiche sono Front National (23,5%), Union for a Popular Movement (22,5%) e il partito socialista di Hollande (18,5%); la sinistra più radicale, al contrario, si colloca solamente al sesto posto, con 8% dei voti.Nell’ultimo decennio, la sinistra radicale europea ha affrontato un periodo di crisi; ciononostante, sembra che queste elezioni potrebbero dare una nuova centralità alle formazioni di sinistra, soprattutto in seguito al moderno intervento di Tsipras.In attesa delle elezioni, è possibile seguire regolarmente le ultime notizie e i sondaggi su Pollwatch2014 (available at: http://www.electio2014.eu/pollsandscenarios/polls).

UK Independence Party: la rimonta dell’estremismo in Inghilterra

Londra. Una meta agognata da molti stranieri, in cerca di opportunità di studio, di lavoro, o semplicemente vogliosi d’immergersi nella città dei Beatles e dei Rolling Stones, di Lady Diana e Sherlock Holmes. Un luogo internazionale, cuore della finanza europea e del divertimento notturno, colmo d’arte e cultura. Londra, il più eclatante esempio di città cosmopolita in Europa.

E’ in parte grazie all’immigrazione di studenti e giovani lavoratori che Londra ha la costante possibilità di rinnovarsi e, fattore ancor più importante, incrementare le proprie finanze; le elites arabe, pakistane, russe e indiane che si recano a Londra hanno il merito di muovere sostanzialmente l’economia inglese, acquistando case, pagando affitti e rette universitarie, assumendo lavoratori inglesi.

Eppure, l’Inghilterra non è soltanto questo. E’ una realtà composta anche da città minori, per dimensioni e importanza, in cui l’immigrazione è ancora percepita come un fenomeno negativo, da combattere, e in cui l’Unione Europea è additata come responsabile di tale fenomeno.

Non è dunque un’assoluta sorpresa che il UK Independence Party (UKIP), il partito di estrema destra guidato da Nigel Farage, facilmente paragonabile alla Lega Nord di Salvini o al Front National di Le Pen, stia acquisendo consensi sempre maggiori, in un’era fortemente segnata dalla crisi economica, in cui l’estremismo nazionalista sembra essere l’unica ancora di salvezza per un’ampia fascia della popolazione.

In queste settimane che precedono le elezioni Europee del ventidue maggio, i sondaggi suggeriscono che l’UKIP supererà persino il partito di Cameron, piazzandosi secondo soltanto al Labour Party. Tuttavia, la campagne elettorale dell’UKIP sta assumendo toni fortemente razzisti: sotto accusa, in particolar modo, sono due poster del partito, il primo dei quali dichiarante che ventisei milioni di Europei siano in cerca di lavoro e lo vogliano “rubare” agli inglesi e il secondo, ancor più estremo, con in mostra un operaio inglese che chiede l’elemosina e spiega che i lavoratori britannici sono stati danneggiati dalle policies sul lavoro adottate dall’UE. Nonostante Mr. Farage abbia replicato alle accuse di razzismo affermando di non biasimare gli Europei che migrano in Inghilterra, ma di accusare il governo per non mettere i cittadini britannici al primo posto, la campagna di UKIP ha suscitato non poco scalpore.

La rimonta di un partito nazionalista di estrema destra, specialmente in un Paese come l’Inghilterra, in più occasioni rivelatosi Euroscettico, ma pur sempre estremamente evoluto, invita a una più profonda riflessione sulla natura della popolazione inglese.

La fede riposta in Farage e il conseguente astio maturato nei confronti degli stranieri dimostrano non soltanto che il popolo britannico si considera ancora un élite, superiore al resto dell’Europa, ma che non è in grado di riconoscere e sfruttare i benefici apportati dall’immigrazione. In Inghilterra, infatti, l’immigrazione ha nella maggior parte dei casi scopi scolastici o lavorativi e la percentuale di disoccupazione e delinquenza degli stranieri nel Regno Unito è considerevolmente più bassa rispetto ad altri Paesi dell’UE, inclusa l’Italia.

Inoltre, gli inglesi coltivano sentimenti razzisti nei confronti degli Europei dell’Est, in particolar modo provenienti da Bulgaria e Romania, in maniera indiscriminata, senza considerare due importanti elementi. In primo luogo, i rumeni, additati da Farage come la più dannosa fonte di delinquenza per l’Inghilterra, tendono a emigrare in quantità assai più considerevoli in Paesi come l’Italia, la Francia e la Spagna, ai quali sono legati da più profonde similitudini culturali; inoltre, i giovani provenienti dall’Europa dell’Est, quando si recano in Inghilterra, sono animati da un forte moto di rivalsa e orgoglio e danno il meglio di se’ per dimostrare le proprie capacità e smentire il luogo comune riguardante l’inferiorità dei loro popoli. Non a caso, le università inglese pullulano di studenti bulgari, slovacchi e rumeni con medie scolastiche che farebbero impallidire anche i migliori studenti di Oxford.

La fiducia che gli inglesi ripongono in Farage non evidenzia solamente il lato nazionalista e razzista degli inglesi, ma anche la loro debolezza: scegliendo di votare per un partito estremista, infatti, i cittadini britannici dimostrano di aver bisogno di un leader populista, al pari degli italiani che tanto hanno criticato nel ventennio passato, per riscoprire la passione politica.

Data la propensione degli inglesi a supportare l’UKIP, non è da escludersi che, in un futuro referendum, essi optino per uscire dall’Unione. Tuttavia, in un’epoca marcata da principi di globalizzazione e integrazione, tale scelta si rivelerebbe più dannosa per l’Inghilterra che per il resto dell’Europa, nonostante l’indiscussa forza della sterlina rispetto all’Euro.

La mentalità chiusa e nazionalista degli inglesi, guidati dai motti di Farage, rischia di portare il Regno Unito a una grande crisi politica e sociale, impedendo all’Inghilterra di evolversi grazie al contributo di talenti stranieri. Come la storia ha in più occasioni dimostrato, nessun estremismo porta al bene di un Paese. A oggi, l’Inghilterra dell’UKIP non sembra avere i presupposti per rappresentare un’eccezione alla regola.

Giulia Aloisio Rafaiani – AltriPoli

Eutanasia ed UE: tra risposte moderne e problemi antichi

Il motto dell’attuale Unione Europea, è sicuramente semplice e rappresentativo dei principi su cui essa poggia: “uniti nel rispetto delle differenze”. Immaginatela come un gruppo di individui, ognuno di un paese diverso dall’altro. Ognuno, con la propria lingua, le proprie tradizioni e le proprie leggi. L’idea che questi individui collaborino tra loro per la pace e per arricchirsi in tutti i sensi, rispettandosi reciprocamente quasi fossero ognuno incuriosito dalle differenze dell’altro, è molto moderna. Tornando a parlare della vera Unione Europea, questo tipo di approccio nelle relazioni tra i vari ordinamenti degli stati membri, prevede che in alcune materie tutti si uniformino ad alcune leggi comuni, ma allo stesso tempo in altre materie ogni stato conservi la propria autonomia normativa. E fin qui…

Il problema nasce quando l’ oggetto di una tutela differente da stato a stato, sia un bene fondamentale come la vita. Nell’ordinamento italiano, la vita è un bene indisponibile, e di conseguenza chiunque uccida commette reato penalmente rilevante. Non importa se si uccida perchè richiesto espressamente dalla vittima. Il caso Welby è un esempio emblematico in questo senso. Nonostante fosse proprio Piergiorgio Welby in persona a chiedere di staccare il respiratore e di porre fine alla sua esistenza, chiunque lo avesse assecondato nei fatti, avrebbe comunque risposto di omicidio. Stante l’indisponibilità del bene vita, il fatto di uccidere con il cosiddetto consenso dell’avente diritto, può solo essere un attenuante, ma non una scriminante. In altre parole, il reato rimane in piedi e al massimo si attenua. Ciò vuol dire che in Italia l’eutanasia, anche nella forma del suicidio assistito, non è una pratica autorizzata. Ma vigendo il principio della libera circolazione delle persone all’interno del territorio dell’Unione Europea, chi proprio volesse farla finita, rimane libero di recarsi in Belgio od Olanda dove il suicidio assistito è permesso. E qui nasce l’interrogativo: fino a che punto può spingersi il legislatore? Può essere così soggettivo un valore come la vita? È giusto permettere a un individuo di praticare un attività che nel proprio paese risulta illecita? Il problema è antichissimo: il confine tra etica e diritto.

L’approccio cerca di essere moderno, costruendosi sull’idea di unire ciò che è separato o diverso, tollerando queste diversità. Ma in fondo, non è proprio questa tolleranza che permette a Belgio e Olanda di mantenere invariata la propria legge sul suicidio assistito? Inoltre, è proprio per favorire l’integrazione che si permette la libera circolazione delle persone in questo territorio unitario e di conseguenza la possibilità di svolgere pratiche che nel proprio paese sono proibite. Ideologicamente,I principi base dell’Unione sono apprezzabili, ma mi domando se talvolta nell’applicazione sostanziale degli stessi, non si corra il rischio di appiattire ordinamenti, culture e tradizioni che su alcuni temi sono profondamente diversi. E dunque la mia proposta: rispettare davvero le differenze, continuando a considerarle tali.

Simone Libutti – AltriPoli

La sfida per la Commissione: volti, partiti e programmi delle prossime elezioni europee

Le elezioni per il rinnovamento del Parlamento europeo che si terranno dal 22 al 25 maggio nei 28 paesi dell’Unione Europea presentano molti elementi di interesse rispetto alle ultime avvenute nel 2009. Quelle di maggio saranno infatti le prime elezioni in cui verrà applicato integralmente il paragrafo 7 dell’articolo 17 del Trattato di Lisbona: i capi di Stato e di governo della UE, riuniti nel Consiglio Europeo, dovranno proporre al Parlamento Europeo un candidato per la presidenza della Commissione ‘tenendo conto delle elezioni del Parlamento europeo’.

Per la prima volta i partiti politici europei, nati a Maastricht come indispensabile spazio di condivisione politica oltre i confini nazionali, hanno avuto la possibilità di proporre un candidato affiliato alla propria lista, che difenda il proprio programma davanti agli elettori europei e che in caso di vittoria si prenda la responsabilità di dirigere la Commissione, ovvero l’organo esecutivo dell’Unione Europea. La carica innovativa di questa norma è prorompente: mai prima d’ora si era presentata la possibilità di costruire un vero dibattito comune europeo durante la campagna elettorale, spesso tirannizzata dai partiti nazionali interessati alle elezioni europee come ad una mera verifica del consenso alla politica interna. Inoltre, l’instaurazione di un legame diretto tra elettori e Commissione permetterebbe di ridurre il deficit democratico spesso rinfacciato alle istituzioni di Bruxelles, rendendo queste elezioni veramente europee, come mai era avvenuto dal 1979.

A questa apertura dal sapore cosmopolitico si oppongono naturalmente i governanti, a difesa del classico carattere intergovernativo delle istituzioni europee: in questo senso vanno lette le dichiarazioni Angela Merkel (‘non vedo nessuna automaticità tra i candidati più votati e la scelta del Presidente’) e di Herman Van Rompuy, secondo il quale senza un aumento dei poteri della Commissione, l’elezione diretta del presidente sarebbe una pericolosa fantasia, poiché ‘politicizzare le elezioni serve solo a preparare in anticipo la delusione’. Si potrebbe obiettare che mai come durante in questi anni la Commissione ha avuto poteri così ampi e delicati, tali da limitare fortemente la sovranità nazionale di alcuni stati in collaborazione con la BCE ed il Fondo Monetario Internazionale nella temuta ‘troika’. Ed è difficile dare torto a Thomas Klau, membro dello European Council on Foreign Relations, quando sostiene che la fiducia nelle istituzioni europee è messa a rischio in primo luogo dai leader nazionali, che da una parte permettono al sistema di influenzare la politica nazionale, dall’altra rifiutano di dare al sistema la leadership politica necessaria per esercitare questo potere in maniera responsabile. Ad ogni modo, sembra chiaro che l’esito di queste elezioni europee sarà fondamentale per capire che direzione prenderanno le istituzioni europee nei prossimi anni. Risulta quindi indispensabile comprendere chi sono i candidati alla Commissione e quale visione dell’Europa propongono.

Difficilmente ripeterà la grande vittoria del 2009, che gli permise di confermare Barroso presidente della Commissione e di nominare Van Rompuy presidente del Consiglio, il Partito Popolare Europeo, il più grande e più influente partito all’interno della UE, che annovera tra le sue fila 73 partiti nazionali, tra cui la CDU-CSU tedesca capeggiata da Angela Merkel e Forza Italia, UDC e Nuovo Centrodestra per l’Italia. Al congresso del 7 marzo è stato scelto come candidato per la Commissione Jean-Claude Juncker, eterno presidente del Lussemburgo e presidente dell’Eurogruppo dal 2005 al 2013, il quale ha provato già nel suo discorso d’investitura a prendere le distanze dalle impopolari politiche di austerità difese dal suo partito in questi anni, promettendo una sterzata dell’Unione dalle politiche finanziarie alla sfera sociale per combattere la disoccupazione giovanile e la divisione tra Nord e Sud del continente. La vittoria di misura raggiunta da Juncker sul secondo arrivato, Michel Barnier, grazie all’appoggio decisivo della Merkel ha però fatto alzare più di un sopracciglio a molti partecipanti al congresso di Dublino. I più maliziosi vedono addirittura una candidatura così debole come parte di un disegno politico: Juncker sarebbe infatti messo facilmente da parte per far spazio all’attuale direttrice del FMI, Christine Lagarde, indicata da molti come candidato ideale per un compromesso tra Consiglio e Parlamento Europeo, in caso si arrivasse ad un pareggio elettorale tra i due principali partiti, il PPE e PSE.

Guai però a sottovalutare proprio il candidato designato dal Partito Socialista Europeo, Martin Schulz, presidente uscente del Parlamento Europeo, noto in Italia soprattutto per l’epiteto di ‘kapò’ con cui lo ingiuriò Silvio Berlusconi, in una delle sue rare visite al Parlamento Europeo, non a caso coincidente con una delle pagine più vergognose della storia italiana in Europa. Il socialdemocratico tedesco ha infatti parecchie frecce al proprio arco: un programma completo che punta a rilanciare la crescita, a rafforzare l’uguaglianza di genere in Europa e a sviluppare un’efficace politica comune sull’immigrazione, una massiccia campagna di propaganda condotta da volontari socialisti porta a porta (efficacemente nominata ‘Knock the vote’) e una stima bipartisan guadagnata in anni di lavoro nelle istituzioni europee. Non ultimo, Schulz è certo che, con un buon risultato del PSE alle elezioni, la sua candidatura sarebbe difesa da avvocati preziosi all’interno del Consiglio Europeo: non sarebbe certo il sostegno degli alleati nel PSE Renzi e Hollande, ma probabilmente anche l’endorsement pesante della stessa Angela Merkel. La Cancelliera infatti vede in Schulz un valido alleato per il futuro rilancio dell’Unione Europea e la revisione del Trattato di Lisbona, e gli ottimi rapporti personali tra i due sono persino migliorati a livello politico grazie alla cooperazione tra SPD e democristiani nella nuova “Grosse Koalition”. Eppure la vicinanza alla Merkel potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio per il candidato socialista: questa strana alleanza infatti gli rende quasi impossibile criticare le politiche di austerità imposte dalla Cancelliera in questi anni, e rischia di far inabissare il programma socialista nel motto merkeliano ‘soldi in cambio di riforme’, che in questi anni ha portato al commissariamento diretto o indiretto di molti paesi europei. La vera sfida per Schulz, ovvero quella di presentarsi come candidato di un’Europa diversa da quella del rigore, sembra quindi quantomeno problematica, e l’appartenenza nazionale non lo aiuta: difficile infatti far scomparire dalla mente di molti cittadini europei l’immagine negativa della Germania diffusa dai media in questi anni di crisi economica.

La nazionalità gioca un ruolo evocativo anche per un’altra delle candidature alla Commissione, ma in chiave opposta: Alexis Tsipras, leader del partito Syriza, che alle elezioni greche del giugno 2012 raggiunse ben il 27% dei consensi, è stato scelto dalla Sinistra Unitaria Europea come candidato a sostegno di un cambiamento radicale nelle politiche economiche europee, che proprio in Grecia hanno mostrato tutti i loro limiti: l’attenzione rivolta solo alla stabilità finanziaria, che alcuni commentatori economici dichiarano ormai raggiunta, ha impedito di valutare l’impatto sociale disastroso delle politiche di austerità, poi riconosciuto dallo stesso Fondo Monetario Internazionale. Il programma di Tsipras non si limita però al rifiuto dell’austerità e all’abolizione del Fiscal compact, ma tocca anche temi dell’ambiente, con un’attenzione particolare allo sviluppo sostenibile e alle fonti rinnovabili, e dell’immigrazione, con il rifiuto della concezione dell’Europa come fortezza e la condanna di tutte le forme di discriminazione. L’obiettivo ambizioso è quello di imporsi come ago della bilancia delle politiche europee, in modo da scongiurare una grande coalizione PPE-PSE, ma gli ostacoli non sembrano pochi. Specialmente in Italia, è in dubbio la stessa presenza alle elezioni della lista civica ‘L’altra Europa con Tsipras’, sostenuta da Barbara Spinelli e da Stefano Rodotà, a causa della normativa bizantina che impone alla lista, non sostenuta da alcun parlamentare europeo o italiano, la raccolta di 150.000 firme entro il 15 aprile, di cui almeno 3000 per ogni regione, senza alcuna distinzione tra l’enorme Lombardia e la minuscola Valle d’Aosta. La partecipazione di numerosi volontari alla raccolta firme in questi giorni sembra scongiurare il rischio di esclusione, ma non si può non sottolineare, come nota lo stesso Aldo Giannuli, la disparità di trattamento tra partiti istituzionali e movimenti nati dalla società civile nell’ordinamento italiano.

Grande attenzione ai temi dell’austerità, dell’immigrazione e ovviamente dell’ambiente viene dedicata anche dai Verdi, che propongono la candidatura unita di Ska Keller, giovane parlamentare tedesca, e di José Bové, ex sindacalista francese che incarna l’anima anti-liberista del partito. I due rappresentanti, selezionati tramite votazioni online, non si fanno illusioni su un’improbabile vittoria: il loro scopo è piuttosto quello influenzare la scelta del prossimo presidente della Commissione e di stilare un’agenda comune all’interno del nuovo Parlamento seguendo il motto ’la via giusta  e verde fuori dalla crisi’.

Anche la Alleanza dei Democratici e Liberali per l’Europa (ALDE), principalmente composta dai libdem inglesi e dai liberali tedeschi, presenterà un candidato per la Commissione: si tratta dell’ex primo ministro del Belgio, il fiammingo Guy Verhofstadt, scelto a seguito del passo indietro del Commissario per gli Affari Economici e Monetari Olli Rehn. La candidatura del belga sembra improntata prevalentemente in ottica anti-populista, con un programma federalista che punta ad un’Unione ancora più integrata, simboleggiato anche dalla presenza di Verhofstadt lo scorso 20 febbraio in piazza Maidan a Kiev, a sostegno di un?Ucraina democratica e integrata in Europa. La sua candidatura è stata però ferocemente criticata dall’ex commissario Frits Bolkenstein, peraltro alleato del belga nell’ALDE, il quale ha dichiarato che i federalisti europei sostengono un progetto federale irrealizzabile e al momento ‘sono un pericolo maggiore per l’UE degli euroscettici’.

L’affermazione dell’olandese potrebbe però suonare ottimistica, se osserviamo la prepotente ascesa dei movimenti euroscettici e nazionalisti, che probabilmente raccoglieranno successi rilevanti alle elezioni di maggio e che ovviamente non presentano nessun candidato comune: la loro politica è chiaramente contraria a qualsiasi forma di integrazione troppo avanzata, come la creazione di  un partito politico comune. Tutt’al più questi partiti sono disposti a raggrupparsi in formazioni variegate, come l’Alleanza dei Conservatori e Riformisti Europei, che comprende Tories britannici ed euro-scettici cechi. Sembra in via di definizione anche un rassemblement anti-europeista accentrato attorno al Front National di Marine Le Pen, che comprenderebbe anche il ‘Vlaams Belang’ (‘Interesse Fiammingo’), il Partito della Libertà di Geert Wilders, l’Alleanza per il futuro dell’Austria (‘BZO’) e altri partiti di destra anti-immigrazione, come la Lega Nord. Da notare  la vistosa assenza di Alba Dorata, del Partito Indipendentista del Regno Unito, dello ‘Jobbik’ ungherese: coerentemente con la riuscita ‘sdemonizzazione’ in politica interna, la figlia di Jean-Marie Le Pen è fermamente intenzionata a rompere ogni associazione con gruppi estremisti di ispirazione fascista e apertamente razzista. Ricordare la fallimentare storia di simili gruppi di nazionalisti esplosi a causa di contrasti interni sarebbe una magra consolazione, poiché mai come a queste elezioni i nazionalisti europei si presentano uniti da una causa comune:  cancellare il Trattato di Schengen, capro espiatorio di tutti i mali europei, e con esso l’Unione Europa, ormai indebolita dagli squilibri economici interni, dai contrasti politici fra stati membri e dai passi falsi in politica estera, simboleggiati dall’impotenza davanti all’annessione russa della Crimea.

Non c’è dubbio che uno spettro si aggiri per l’Europa: lo spettro del fallimento del progetto comunitario e del ritorno all’angustia dei confini nazionali. Ma a queste elezioni ci è data la possibilità di scegliere il nostro futuro e il futuro dell’Europa, un continente che, con i suoi difetti e le sue divisioni, in cinquant’anni ha abbattuto più muri culturali e politici di qualsiasi altra comunità umana nella storia moderna e contemporanea. Domenica 25 maggio, e in tutti i giorni che seguiranno, dovremo provare ad essere degni di questa eredità.

Francesco Tamburini – AltriPoli