Home / Tag Archives: Unione Europea (page 2)

Tag Archives: Unione Europea

La fine del sogno di una terza via europea

E’ tempo di Elezioni Europee, tempo scandito secondo i Trattati da un lustro che assume il compito di esser tempo di bilanci. Il bilancio di quest’ultimo lustro per l’Europa Unita è quantomai pessimo. Pessimo nell’Unione economica Monetaria iniziata con il Trattato di Maastricht e concretizzatasi nel 2002 con l’entrata in vigore della moneta unica. Ugualmente questo lustro è stato pessimo a causa della crisi economica che ha visto partire essa dagli Stati Uniti d’America per poi concentrarsi ed incresparsi nelle viscere del tessuto industriale del vecchio continente.  Infine, questo sarà ricordato come il lustro che ha posto fine al “Sogno Europeo” dei popoli e delle differenze unite. A differenza da quel che sosteneva Roberto Saviano nella trasmissione “Vieni via con me” le tesi del Professore Gianfranco Miglio, allievo di Alessandro Passerin d’Entrèves ed ideologo della Lega Nord, la concretizzazione delle macroregioni all’interno dell’Unione Europea è divenuta realtà.

Dimostrazione ne è il riconoscimento normativo anche nello sfruttamento dei fondi strutturali messi a disposizione dalla Commissione Europea. Tant’è che le strategie macroregionali sono state inserite nel nuovo regolamento sulle disposizioni comuni sul Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale), Fse (Fondo sociale europeo), Fc (Fondo di coesione), Feasr (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale) e Feamp (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca) e disposizioni generali sui fondi della politica di coesione e nel regolamento relativo all’obiettivo di cooperazione territoriale europea.“Tale regolamento rappresenta una reale opportunità per la strategia della Macroregione adriatico ionica perché precisa che tutti i fondi strutturali possono sostenere le priorità macroregionali“.

Lo ha detto mercoledì 19 febbraio 2014 a Bruxelles il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, nel corso della riunione della Commissione Politica di coesione territoriale (Coter) del Comitato delle Regioni alla quale ha illustrato il parere sulla strategia adriatico ionica richiesto dalla Presidenza greca della Ue al CdR. Come a dire, che agli europeisti dell’ultima ora, manca il “quid” che per anni e decenni  ha fatto crescere il sogno di un’Europa unita e federale. Fondamentalmente ciò non è avvenuto, non per l’ostilità dei popoli europei, ma per l’incapacità e la sudditanza verso alcuni poteri dei legislatori di Bruxelles. Infatti, le politiche economiche e monetarie hanno visto il loro fallimento più pieno e non vi è alcun dato oggettivo disponibile che dimostri una risultante di crescita economica  e di stabilità negli ultimi dieci anni. In più occasioni si è assistiti a una politica monetaria forte nei cambi, ma totalmente dannosa per il tessuto produttivo con il  governatore Mario Draghi da anni in guerra, senza mezzi legislativi opportuni, con gli altri Governatori delle Banche Centrali. Vi è da ribadire come lo Statuto della BCE, la sua poca dipendenza dai popoli e il non essere “prestatrice d’ultima istanza”, l’abbia resa il baluardo e il simbolo di un’unione troppo amica della finanza e poco delle industrie e dei cittadini europei.

Le critiche mosse dai premi Nobel Sen e Stiglitz vanno nella loro analisi contro le politiche messe in campo, ma a differenza di quel che si può pensare, esse sono più vicine al sogno autentico europeo che a quello antieuropeista. Questo per non parlare della politica industriale ove l’Unione Europea sembra esser stata incapace, assieme ai governi nazionali, di gestire il tesoro economico e tecnologico che era presente nel vecchio continente. Questi dati non provengono da fonti esogene rispetto all’Unione Europea, bensì dal Rapporto ufficiale della Commissione intitolato Quarterly Report on the Euro Area“. In esso si afferma che l’Europa sarà ancora più povera tra dieci anni. I grafici, facilmente analizzabili, rendono chiara la visione di un crollo dell’industria fin dal 2000. Per loro stessa ammissione le politiche monetarie della BCE e della Commissione Europea, condite dall’austerity ci porteranno ( è scritto nel rapporto ) a essere il 50% meno sviluppati degli Stati Uniti d’America.

Il documento “Quarterly Report on the Euro Area, Volume 12, N. 4″, scritto nero su bianco, dalle mani dei funzionari e Commissari europei dello scorso lustro, dimostra al momento il fallimento  dell’esperimento della moneta unica, che dovrebbe avvenire, secondo alcune proiezioni degli analisti, entro e non oltre la data del 2023. Le proiezioni degli analisti vengono compiute per fini strettamente lavorativi e non per complottismi vari. Si legge nel Rapporto che nel 2023 l’Europa sarà crollata per ciò che investe lo stile e il tenore di vita dei cittadini rispetto agli USA del 40%, ovvero uno standard di vita, che comprende servizi, potere d’acquisto delle famiglie, prezzo dei beni al consumo, occupazione inferiore persino a quello che si aveva negli anni ’60, gli anni del cd. ‘boom economico’.

Altro elemento di scure sugli ultimi anni dell’ultimo lustro europeo è stata la sua politica estera. E’ un po’ come avviene spesso nelle redazioni di giornali o società ove la pariteticità dei membri e il non coordinamento rendono lo sviluppo pressochè impossibile. In tal maniera si è distrutto il sogno di tre Padri Fondatori dell’Unione Europea quali Adenauer , Schumann e Monnet. La dimostrazione lampante ne è l’Ucraina, ove la poltica estera europea vive di una schizofrenia, da un lato l’UE è consapevolmente legata economicamente ed energiticamente alla  Russia, ma dall’altro è coinvolta dalle politiche della storica alleanza NATO.

 

europa-satellite

 

In questo modo è morto il sogno di un’Europa forte capace di essere il terzo blocco nel mondo. Un’Europa morta sotto i colpi dei suopi stessi sostenitori e dell’assoluta incapacità dei popoli europei di mantenere la propria cultura e primato nel “diritto”. La fine del sogno di una terza via. Una via distinta da quella dell’alleato americano, ove poter essere non ostili a politiche di welfare. Una terza via differente da Mosca e il suo forte contcetto “Euroasiatico”.

Uan terza via che non c’è, neppur nel Mediterraneo. E questo è un male non solo per gli europei, ma per l’umanità.

 

UE: Editors vs. Google

“Gli scacchi sono uno sport. Uno sport violento che comporta connotazioni artistiche negli schemi geometrici e nelle variazioni della disposizione dei pezzi, così come nelle combinazioni, nella tattica, nella strategia e nella posizione. È un’esperienza triste, però, qualcosa di simile all’arte religiosa.” (Marcel Duchamp)

Nessuna spiegazione del gioco di strategia degli scacchi, come quella dell’artista dada Marcel Duchamp, potrebbe essere più esplicativa e congeniale all’analisi della battaglia legale che si sta combattendo fra gli editori europei e Google. Come “scacchiera” bisogna immaginarsi il mercato delle notizie e del web dell’Unione Europea. A rappresentare il bianco ed il nero vi sono gli editori europei e Google. A muovere la prima mossa, come nel vero gioco, il bianco degli editori, dipinti dai loro media (in effetti sono loro) come i salvatori dei contenuti e del diritto d’autore. Il nero e apparentemente “fuori legge” è rappresentato da Big G. La “partita” si volge attorno “Privacy Policy” e al “diritto d’autore” che vede Google Inc. sotto inchiesta da parte dell’Antitrust europea. Il 25 aprile del 2013, di fronte la Commissione Europea, il colosso informatico ha proposto il proprio piano per non inciampare in sanzioni dati i regolamenti in materia europea rispetto alle “Violazioni rispetto i dati degli utenti”.

LA MOSSA DEGLI EDITORI – Il 27 Giugno 2013 sarà ricordato nella storia dell’Europa moderna come la più grande azione legale comunitaria, composta da enti e associazioni di diversi membri dell’Unione Europea, che si ricordi. Invitate dalla Commissione Europea a presentare una relazione di analisi riguardo i cambiamenti di Policy da parte di Google. Le osservazioni, recapitate al Vice Presidente della Commissione Europea e Commissario UE per la Concorrenza Joaquin Almunia, hanno evidenziato le criticità nel mercato del web e la difficoltà ad inserirsi e al prevalere della posizione di editori ed autori nelle pagine e sui servizi offerti da Mountain View. L’accusa mossa è di incidere in modo sleale sulla condivisione di testi e opere, come a voler dar “scacco matto”. Nel testo inviato alla Commissione dell’UE risalta la seguente accusa – “Se Google non presenterà al più presto proposte sostanzialmente migliorative, gli editori europei chiedono che la Commissione utilizzi tutti i poteri legali, compreso un immediato Statement of Objections che preveda rimedi efficaci. Una ricerca equa e non discriminatoria realizzata con criteri imparziali nei confronti di tutti i siti web è prerequisito essenziale per lo sviluppo dei media e delle tecnologie a livello europeo”-.

A condurre in prima linea la partita contro Google sono le federazioni tedesche BDZV e VOV. Il Presidente di quest’ultima Helmut Heinen, nella lettera indirizzata alla Commissione Europea, ha dichiarato – “Google deve sottoporre tutti i servizi, inclusi i propri, agli stessi criteri, utilizzando gli stessi meccanismi di analisi, indicizzazione, ordinamento e gli stessi algoritmi. Senza consenso preventivo non deve usare contenuti di terze parti a meno che non sia strettamente indispensabile per la ricerca orizzontale”-.

L’INESPUGNABILE MOUNTAIN VIEW – I fondatori e proprietari della Google Inc, Larry Page e Sergej Brin, stanno da tempo cercando di condurre la partita con la strategia utilizzata di fronte la Federal Trade Commission degli Stati Uniti d’America. Sostanzialmente, come avvenuto in Europa lo scorso aprile, avevano fatto delle modifiche all’indicizzazione delle ricerche . Tra le novità proposte da Big G, oltre alla nuova Policy per i clienti a forma di Contratto telematico, sono state inserite delle “etichette”, in modo da far risaltare l’autore, assieme a riferimenti per prodotti degli stessi gruppi editoriali. Eppure, la vera questione non è tanto sui contenuti e la loro indicizzazione. Le caselle ove si svolge la partita sono quelle del mercato. Infatti, a rendere preoccupante per la Commissione Europea il ruolo di Google, è la posizione di monopolio esercitata da quest’ultimo sugli utenti europei. Se, grazie alla diffusione di Bing e Yahoo!, le ricerche negli USA vengono svolte tramite Google dal “solo” 70% degli utenti, in Europa tale percentuale corrisponde al 90%. Quel che preoccupa non è l’uso dei dati dei clienti negli algoritmi sviluppati da Mountain View, bensì la gerarchizzazione delle offerte commerciali sui prodotti di Google. Basti pensare al servizio AdSense della società di Brin e Page.

La partita fra Editori & Google è ad uno stallo, con la Commissione Europea divisa tra il voler proteggere gli editori ed il restar fedeli alla propria politica liberal-capitalista. Eppure, la società di Mountain View, tramite il documento sulla nostra stessa piattaforma, “Answer the People Want” ha ribadito la chiave della sua ragione sociale e del proprio successo ovvero. Le parole affidate al Vice Presidente della Google Kent Walker Inc. recitano “Costruiamo Google per gli utenti, non per i portali. E non vogliamo fermare l’innovazione […] Abbiamo risposto così alla Commissione europea e pensiamo di aver fatto un buon lavoro”.

Personalmente mi schiero con la Google Inc. per tre fondamentali ragioni. La prima risiede nel fatto che il progetto “Polinice” è potuto iniziare solo ed esclusivamente grazie al servizio gratuito Blogger della società di Mountain View. La seconda risiede nell’impossibilità, voluta dalla firmataria della lettera alla Commissione Europea FIEG, di rendere libero il web. Ciò costringere i blogger a dover sottostare a giornalisti di ruolo o a dipendere totalmente dagli stessi per la Registrazione della Testata. La terza è insita nella concezione dell’utente, ove Google mi lascia scegliere tra molteplici fonti, mentre gli Editori Europei vendono dispacci di ciò che fa comodo ai propri azionisti.

Antonio Maria Napoli – AltriPoli

Lungo la nostra breve, ma grande strada per passione ed impegno, abbiamo trovato finora numerosi ostacoli alla ricerca di un Direttore Responsabile. Tale strada, per nostra fortuna, si è incrociata con quella di Giuseppe Scaraffia. Il quale, credendo nel progetto di un gruppo di ragazzi, si è messo a disposizione per divenire Direttore Responsabile della testata “Polinice”, senza pretendere nulla in cambio. A lui va la nostra più sincera stima e gratitudine.

Erdogan: ancora un eroe?

Nel corso dell’ultima decade, RecepTayyip Erdogan ha governato con successo la Turchia, portandola a una prosperità economica senza precedenti e accrescendone l’influenza a livello internazionale. Tuttavia, dopo essere stato eletto Primo Ministro per tre mandati consecutivi, Erdogan è ora al centro di animate proteste che mirano alle sue dimissioni.

L’insoddisfazione per il recente operato di Erdogan si sta diffondendo anche tra alcuni deputati del suo partito, l’AKP (Partito per la Giustizia e lo Svilluppo – PPE), che sostengono che le sue politiche dovrebbero assumere un carattere più “soft”: le critiche vertono sull’attitudine troppo autoritaria del Primo Ministro. Erdogan è stato recentemente accusato di fondamentalismo, per aver posto restrizioni sul commercio di alcolici, non per preservare la salute dei cittadini, bensì per motivi religiosi. Inoltre, in molti credono che il Primo Ministro punti a sostituire la repubblica secolare Turca con un regime islamico.

Gli oppositori sembrano aver dimenticato i progressi ottenuti da Erdogan nell’ambito dei diritti umani, quali l’avvio delle negoziazioni per annettere la Turchia all’Unione Europea, l’abolizione di un National Security Council dominato dal potere militare e il riconoscimento dei diritti della minoranza Curda. Per difendersi dalle accuse, Erdogan rivendica la sua legittimità di leader, affermando di aver ricevuto il 50% dei voti alle ultime elezioni e di detenere la netta maggioranza in Parlamento. E’ un dato di fatto che, a oggi, Erdogan non abbia alcun valido rivale, né il suo partito abbia una solida opposizione.

A far da contralto alle critiche, il fatto che molte comunità locali identifichino ancora la figura del Primo Ministro con quella di un eroe nazionale. In un interessante articolo, “The Guardian” ha intervistato alcuni cittadini che ancora sostengono Erdogan, nel quartiere conservatore di Kasimpasa. Tra questi, il barbiere di Erdogan e i suoi clienti abituali. Secondo il loro punto di vista, quando l’AKP è salito al potere, la Turchia è migliorata sotto ogni aspetto: meno rifiuti per le strade, modernizzazione degli impianti di elettricità e acqua, sviluppi dell’ambito scolastico e della sanità, utili lavori stradali. Un altro abitante del quartiere accusa il CHP, partito dell’opposizione, di aver sfruttato le proteste degli ultimi giorni per indebolire l’AKP.

Che cosa accadrà ora in Turchia? Alla luce dei fatti, c’è la concreta possibilità che Erdogan non si ricandidi alle elezioni presidenziali del 2014 e Gul diventi il nuovo Primo Ministro. Comunque vada, Erdogan si è guadagnato un posto di rilievo nella storia del suo Paese, essendo stato il leader politico più importante dai tempi di Ataturk. Soltanto il tempo dirà se Erdogan potrà essere ricordato come l’uomo che unì la Turchia, a meno di un secolo dalla fine del dominio asiatico.

Giulia Aloisio Rafaiani – AltriPoli