Home / Internazionale / Trump annuncia il ritiro degli USA dalla Siria
Ritiro USA dalla Siria

Trump annuncia il ritiro degli USA dalla Siria

Il presidente Donald Trump ha annunciato dal suo profilo Twitter che gli USA presto si ritireranno dalla Siria. La guerra civile siriana, che per molti aspetti ha rappresentato una guerra mondiale per procura, negli ultimi mesi si sta assopendo. Non si può affermare che la situazione sia stata pacificata poiché sia gli attori interni, ossia le forze lealiste di Bashar Al-Assad che i gruppi estremisti oltre ai Curdi, ancora non hanno trovato una chiara e duratura configurazione politica che sia stabile nel medio periodo.

Ad oggi rimane fortissima la presenza della Federazione Russa, la vera vincitrice della guerra in Siria. Uno degli obiettivi che spinsero le cancellerie occidentali a finanziare e sostenere gruppi di ribelli, di varie e spesso errate ideologie anche per la sicurezza di Usa e Europa, era la rimozione di Assad al fine di eliminare ogni qual tipo di sbocco sul Mediterraneo a Mosca. Al contempo la grande presenza iraniana sul territorio siriano, supportata dall’alleato libanese Hezbollah, rende per Israele la partita ancora aperta e preannuncia nuovi focolai di guerra nella regione.

Diversa la situazione dei Curdi, nazione senza territorio hanno eroicamente fermato l’avanzata dell’Islamic State per anni con il sogno di raggiungere un’indipendenza. Ma, alla luce del forte ruolo nella NATO e in Siria della Turchia e del prossimo annunciato ritiro statunitense è assai probabile che in pochi mesi subiranno una forte repressione con sconfinamenti, e azione operate da gruppi ribelli turkmeni, che rendano nuovamente il popolo curdo sconfitto pur avendo capacità e legittimità per aspirare alla sua libertà nazionale ed etnica.

Sono state le zone nordorientali della Siria a vedere l’occidente protagonista contro i gruppi estremistici jihadisti (spesso finanziati indirettamente dalle stesse cancellerie per gravissimi errori tattici) i combattenti curdi.

Il Wall Street Journal, nella giornata di ieri, ha confermato che gli Stati Uniti stanno preparando il ritiro totale delle loro forze dal Nordest della Siria. Nonostante gli annunci dell’Amministrazione Statunitense, il Pentagono starebbe cercando di dissuadere Trump. Troppo gravi gli errori commessi nel recente passato, le due guerre contro Saddam e l’Afghanistan per abbandonare così rapidamente e senza una vera stabilità la terra siriana.

I vertici del Dipartimento della Difesa, secondo il New York Times, starebbero cercando di convincere la Casa Bianca che una mossa del genere sarebbe un tradimento degli alleati curdi e degli alleati regionali. Trump, in ogni caso, sembra in amovibile:

«Abbiamo sconfitto l’Isis in Siria», lo afferma Donald Trump su Twitter, spiegando che la lotta all’Isis era «l’unica ragione di essere lì».

La stabilità non c’è, l’Isis è quasi scomparso. Eppure, ragioni propaganda e odio sono tutt nei germi lasciati dallo Stato Islamico.

About Antonio Maria Napoli

Calcio, geopolitica ed economia. Qualche pillola di musica elettronica. Il mio concetto di perfezione è un libro di Paul Krugman o un romanzo di Dumas, con in sottofondo un remix di Frankie Knuckles o i Pink Floyd. Allo spritz preferisco il Nikka

Check Also

fatboy slim live 2019 Roma - Just Musi Festival

Fatboy Slim torna a Roma per la preview di Just Music Festival

Torna a Roma per la preview di Just Music Festival il dj e produttore britannico ...

Relais Rione Ponte ospita ATLAS, Ego Imago Mundi, una personale di Luca Di Luzio

Il 30 novembre inaugura un nuovo ciclo espositivo all’interno del Relais Rione Ponte, guesthouse di ...

USA E CUBA – Novanta miglia lunghe cinquant’anni

Questa non è ne' la fine ne' l'inizio di qualcosa di differente è un grandissimo passo in avanti però per tutta l'umanità. Un'umanità che, nonostante tutto, alle volte non riesce a superare novanta miglia pur spendendo una sonda su Marte. Novanta miglia che per decenni hanno reso lontani Washington e L'Avana più di Marte.

Dopo il Grand Tour. Riferimenti | Revisioni | Ritorni

Il prossimo 12 aprile 2019 si terrà presso l’Accademia Nazionale di San Luca (Roma, p.zza ...